Impresa & Territori

Torna a crescere la disoccupazione a febbraio, il tasso risale al…

dati istat

Torna a crescere la disoccupazione a febbraio, il tasso risale al 12,7%

Dall’Istat arriva una doccia fredda sul mercato del lavoro italiano. Il tasso di disoccupazione a febbraio è risalito al 12,7%, un aumento di 0,1 punti percentuali sul mese precedente e di 0,2 su base annua. I disoccupati sono aumentati di 23mila unità su mese. Si interrompe il calo registrato a dicembre e gennaio. Nei dodici mesi a febbraio il numero di disoccupati è cresciuto del 2,1% (+67mila). Il numero di individui inattivi calcolato da Istat tra i 15 e i 64 anni mostra un lieve incremento nell'ultimo mese (+0,1%), rimanendo su valori prossimi a quelli dei due mesi precedenti. Il tasso di inattività si mantiene stabile al 36% contro il 36,4% di febbraio 2014. Su base annua gli inattivi diminuiscono dell'1,4% (-204 mila). Il tasso di disoccupazione maschile a febbraio è all'11,7%, quello femminile al 14,1 per cento. A febbraio è anche salito il tasso di disoccupazione giovanile: +1,3 punti percentuali su mese e +0,1 punti su anno, al 42,6%. I giovani occupati sono diminuiti del 3,8% su mese, cioè di 34mila unità. Il tasso di occupazione giovanile scende di 0,6 punti sia su mese che su anno al 14,6 per cento.

In frenata anche il numero degli occupati che diminuiscono dello 0,2% vale a dire -44mila unità. Il tasso di occupazione si attesta così a quota 55,7%. Rispetto a febbraio 2014, l'occupazione è tuttavia cresciuta dello 0,4% (+93 mila).

Oltre ai giovani restano fortemente penalizzate le donne: su base mensile
il numero di occupate è sceso di 42mila unità su base mensile (-0,4%). Questo vuol dire che il tasso di occupazione femminile scende, così, al 46,8% (-0,2 punti percentuali)

All'Istat hanno spiegato che i dati governativi differiscono da quelli diffusi dall'istituto statistico, in particolare quelli sull’aumento dei contratti a tempo indeterminato si riferiscono ad attivazioni di contratti che non necessariamente equivalgono a nuovi occupati, ma possono essere transizioni da tempo determinato a tempo indeterminato.

Eurozona, lieve calo all’11,3%
Continua a calare, seppur lentamente, il tasso di disoccupazione nell'Eurozona. Secondo Eurostat a febbraio è dell'11,3%, mentre a gennaio era a 11,4% e nel febbraio 2014 era a 11,8%. Nella Ue a 28 la disoccupazione è al 9,8% (9,9% a gennaio e 10,5% 12 mesi prima).

© Riproduzione riservata