Economia

Dai bancali in legno la conferma della ripresa

  • Abbonati
  • Accedi
CONGIUNTURA

Dai bancali in legno la conferma della ripresa

Alimentare ed elettrodomestici. Ma anche meccanica, piastrelle, tessile e macchinari. Non vi è settore, in Italia e nel mondo, che non li utilizzi. Ed ecco perché la ripresa della domanda di pallet, i bancali in legno per lo stoccaggio e la movimentazione di merci, è una notizia quanto mai positiva, l’ennesima conferma della ritrovata forza della domanda interna.

Nei primi sei mesi del 2015 la domanda d prodotti destinati in massima parte al mercato interno (tipologia Epal), cresce del 15,3%: complessivamente, tra prodotti nuovi e riparati, sono stati immessi sul mercato oltre 500mila bancali in più. In crescita, anche se a tassi meno roboanti, anche la qualità di pallet destinata all’export (Fitok), con volumi in aumento del 4,2%.

«La situazione economica interna in leggera ripresa e l'introduzione di norme antievasione nel settore introdotte dal Governo a inizio anno - spiega Emanuele Barigazzi, coordinatore del Comitato Tecnico Epal di Conlegno - hanno favorito l'incremento dei volumi di pallet EPAL prodotti e riparati. La debolezza dell'euro ha sicuramente agevolato le esportazioni di prodotti italiani e quindi anche gli imballaggi a marchio Fitok ne hanno tratto giovamento. Per quanto riguarda le prospettive future credo che i numeri del settore imballaggi in legno saranno sicuramente influenzati dal rallentamento cinese, che potrebbe avere ripercussioni anche sui prezzi delle materie prime. Da valutare l'impatto sull'indotto e sull'economia europea dello scandalo Volkswagen».

© Riproduzione riservata