Impresa & Territori

Più smartphone venduti, ma in Italia i tablet segnano il passo

tecnologie

Più smartphone venduti, ma in Italia i tablet segnano il passo

Olycom
Olycom

Smartphone in crescita, ma tablet che puntano verso il basso. Un mercato double face quello dei device mobili in Italia secondo Idc. Secono le rilevazioni della società di ricerca, in Italia nel 2015 sono stati venduti 19.060.000 smartphone, in aumento di circa il 17% rispetto al 2014. Il quarto trimestre del 2015 non è stato solo il migliore dell’anno, con 6,05 milioni di smartphone venduti, ma ha anche registrato una crescita notevole rispetto allo stesso trimestre del 2014 (poco più di 5 milioni di unità vendute).

Il risultato molto positivo è dovuto all'impennata dei cosiddetti phablet: rispetto al 2014, le vendite degli smartphone con schermo da 5,5 a 7 pollici nel 2015 sono cresciute quasi del 50%, mentre i modelli con form factor più contenuti sono cresciuti meno del 13 per cento. Malgrado il mercato italiano non si possa considerare un mercato “giovane” (in Italia è intorno al 60% la penetrazione degli smartphone con piano dati rispetto alla popolazione), la crescita prevista per il 2016, sempre in termini di unità, è superiore al 10 per cento.

«L'interesse per lo smartphone in Italia – spiega Gabriele Roberti, Research & consulting manager di IDC Italia – rimane altissimo: da una parte è ancora considerato un “accessorio” di moda, uno status symbol, ma da qualche tempo è anche diventato il principale “hub digitale”, il centro di un ecosistema fatto di app, servizi e nuovi device fra cui wearable, ma anche Tv e dispositivi per la smart home, che ne estendono le funzionalità e che gli faranno, in qualche modo, cambiare pelle».

Dall’altra parte il mercato dei tablet (inclusi i 2-in-1), invece, sta sperimentando un’inversione di dinamica. Nel 2015 sono state vendute 3.671.000 unità, con una contrazione di circa il 9% rispetto al 2014. Secondo Idc, nel 2016 il mercato tablet in Italia tornerà a vedere la crescita, ma si tratterà pur sempre di crescite modeste, per quanto riguarda i volumi di vendita. «La componente più matura del mercato tablet, i classici Slate Tablet – precisa Roberti – nel 2016 limiterà le decrescite, mentre le vendite di tablet 2-in-1, i Detachable Tablet, riusciranno finalmente a sostenere il totale del comparto, superando il milione di unità vendute. Grazie a nuovi prodotti sul mercato e a prezzi in alcuni casi più contenuti che in passato, nel 2016 i tablet 2-in-1 inizieranno ad attrarre anche l’utenza consumer».

© Riproduzione riservata