Impresa & Territori

Veterinario a domicilio: a Taranto il primo equity crowdfundig del Sud

servizi

Veterinario a domicilio: a Taranto il primo equity crowdfundig del Sud

Nasce a Taranto la prima piattaforma nel Sud di equity crowdfunding autorizzata dalla Consob e mette insieme accanto al gestore Muumlab, unico in Puglia e nel Sud tra i 18 riconosciuti in Italia, Findindustria Taranto, finanziaria di partecipazioni di Confindustria Taranto, e la banca di credito cooperativo di San Marzano di San Giuseppe (Taranto).

Già finanziata una start up per un servizio di veterinaria a domicilio h24 (“ProntoVet24” è il nome dell'attività) che sarà operativa a fine maggio. Avrà anche un’app dedicata. Gli ideatori sono Massimiliano De Florio e Luca Laporta. Cinquantamila euro raccolti per l’iniziativa, in questo caso, però, interamente sottoscritti da Fidindustria. «Il crowdfunding come strumento di raccolta fondi dal basso – spiega Paolo Cicolella, presidente di Muumlab – è oggi una strada che molti, e soprattutto le startup, adottano per cercare i finanziamenti necessari. È un’opportunità interessante per avviare un progetto, un’idea di impresa, anche avendo pochi fondi a disposizione. Col crowdfunding si lancia la propria iniziativa e si testa la prima risposta del mercato, altrimenti tutto è destinato a restare nel cassetto per chissà quanto tempo».

«Siamo da 60 anni sul territorio di Taranto, abbiamo chiuso il consuntivo 2015 con dati positivi, ovvero una raccolta di 519,577 milioni di euro in crescita dello 0,6% rispetto al 2014, abbiamo incrementato gli impieghi del 6,7 attestandoci a 213,996 milioni e registrato un utile netto di 4,063 milioni di euro, più 62,2, e tuttavia – spiega Emanuele di Palma, dg Bcc San Marzano – siamo dell’avviso che in una realtà come quella tarantina segnata da crisi rilevanti, occorra fare uno sforzo ulteriore per sostenere le imprese e soprattutto quelle giovani e innovative. Dopo Banco Popolare, siamo il secondo istituto di credito in Italia e primo e unico per ora nel Mezzogiorno che aderisce ad una piattaforma di crowfunding con l’ok della Consob».
«In questo caso Fidindustria ha sottoscritto tutta la richiesta di capitale – rileva Maurizio Maraglino, direttore di Muumlab – ma noi lavoriamo perché con le prossime iniziative ci sia davvero una pluralità di sottoscrittori com’è nello spirito del crowfunding».

«Findindustria oggi – annuncia il presidente Pietro Chirulli – farà un aumento di capitale di un milione di euro e sta già vagliando altre due startup da sostenere anche col crowfunding. È una strada che vogliamo continuare a percorrere».
Per Vincenzo Cesareo, presidente di Confindustria Taranto, accanto al consolidamento dell'impresa “sana”, la logistica, col binomio porto-aeroporto, la diversificazione economica, con l'unione di cultura, turismo e agroalimentare, e la smart area per avere una città sostenibile, l'innovazione è una delle priorità che l'imprenditoria tarantina deve necessariamente perseguire. «Non c’è alcun futuro – dice Cesareo – se pensiamo di fare sempre le stesse cose nello stesso modo».

© Riproduzione riservata