Impresa & Territori

Dossier Il «segreto» di Chanel premiato a Ginevra

    Dossier | N. 28 articoliRapporto Orologi

    Il «segreto» di Chanel premiato a Ginevra

    • –di

    Il premio più recente è quello ricevuto il 10 novembre a Ginevra nella categoria Jewellery Watch: Chanel ha vinto con il modello Signature Grenat quello che viene considerato l’Oscar dell’orologeria.

    La giuria della sedicesima edizione del Grand Prix d’Horlogerie di Ginevra (Gphg) era composta da 27 esperti provenienti da una vasta gamma di settori e ha scelto i migliori orologi di lusso del 2016 assegnando i 15 premi in palio e riconfermando la mission della kermesse elvetica, ovvero incoraggiare i nuovi talenti del settore e la creatività, come nel caso di Chanel, che negli anni ha investito molto negli orologi, diventati una delle molte categorie iconiche della maison, che si rivolge oltre alla storia clientela femminile e da quest’anno anche a quella maschile (il primo modello si chiama Monsieur).

    Per tornare al Gphg, il Signature Grenat è un montre à secret (secret watch in inglese), un orologio a segreto. Segnatempo che sembrano bracciali tempestati di pietre preziose, ma sono in realtà orologi-gioiello. Una piccola pressione su un punto particolare della cassa fa scattare il meccanismo di apertura e mostra il quadrante e le lancette. Nel caso del Signature Grenat di Chanel occorre premere sul grande rubino circondato da diamanti.

    Ma non c’è solo l’alta orologeria: in settembre era stata presentata la nuova collezione di orologi femminili J12 XS, rivisitazione “extra small”, appunto, dei modelli J12, long seller di Chanel. L’orologio è alto 11,5 millimetri, ha un quadrante dal diametro di 19 millimetri ricoperto di diamanti. Può essere indossato da solo oppure abbinato a una collezione di bracciali in pelle o in pizzo, guantini, anelli, pensati per essere attaccati all'orologio e per avvolgere la mano, il polso o il braccio. Più accessibile di altri modelli il prezzo, che parte da 4.700 euro per arrivare a 7.900, a seconda della scelta degli accessori da abbinare.

    © Riproduzione riservata