Impresa & Territori

Dossier Montblanc festeggia i 110 anni e il nuovo Ceo

    Dossier | N. 28 articoliRapporto Orologi

    Montblanc festeggia i 110 anni e il nuovo Ceo

    Tante le novità che hanno contraddistinto questo 2016 per Montblanc, brand della galassia Richemont con 220 milioni di euro di vendite orologi 2015/16 secondo le stime Vontobel. L'ultima in ordine di tempo riguarda la nomina di Nicolas Baretzki, che dal primo aprile 2017 succederà nel ruolo di Ceo a Jerome Lambert, chiamato nel gruppo Richemont (in riorganizzazione dopo il recente calo di fatturato e utili). Un cambio nel solco della continuità (Baretzki era vicepresidente) per un marchio che festeggia il 110mo anniversario. Occasione celebrata con una linea di segnatempo.

    «La collezione 4810 celebrativa dei 110 anni - racconta Christian Rauch, amministratore delegato Montblanc Italia -, sta avendo un grande successo di immagine e vendite. Si ispira al mondo delle traversate oceaniche degli inizi del secolo scorso. Fu durante uno di quei viaggi che i fondatori trovarono l'ispirazione per dare vita alla maison. Proposta a un prezzo molto interessante (grazie al know-how interno delle nostre manifatture di Villeret e Le Locle), è una collezione che celebra valori quali la maestria artigianale, il design e la funzionalità».

    L'accoglienza da parte del pubblico è stata calorosa, a iniziare dal mercato italiano, oggi tra i più importanti al mondo per Montblanc. «Grazie a una rete distributiva capillare, lavoriamo molto con la clientela locale e risentiamo meno dei flussi turistici; l’estetica e le complicazioni, unite all'alto tasso di innovazione e alla fascia di prezzo in cui siamo in grado di collocarci, ci rendono competitivi», prosegue Rauch. Sintesi di questa filosofia è il 4810 TwinFly cronograph 110 years edition. All'interno della cassa in acciaio si trova il movimento a carica automatica calibro MB LL110.1, che regola la funzione TwinFly, tra le complicazioni più raffinate nell'alta orologeria. Sugli scudi anche il Montblanc 1858 Chronograph tachymeter limited edition, appena premiato nella categoria cronografi al Grand prix d’horologerie de Genève.

    «Rispetto ai 110 anni di storia Montblanc, gli orologi sono relativamente giovani - conclude Rauch - ma grazie all'acquisizione di due manifatture e in modo particolare di Minerva, abbiamo conquistato credibilità e fiducia non solo nei confronti di un pubblico di appassionati ma anche di una nuova clientela che si affaccia al mondo dell'orologeria e sceglie Montblanc per i primi acquisti importanti».

    © Riproduzione riservata