Impresa & Territori

La startup che fa affari con le vaschette «griffate» in aeroporto

trasporti

La startup che fa affari con le vaschette «griffate» in aeroporto

Una cosetta semplice semplice in teoria. Eppure nessuno ci aveva pensato. Da qui la scommessa della startup One.Tray: fare business con le vaschette che negli aeroporti vengono utilizzate per i controlli degli effetti personali dei passeggeri. Come? Rifornire, gratis, di vaschette gli scali, e garantendo anche l’assistenza per forniture supplementari o per sostituzioni di vaschette deteriorate. Il tutto facendosi ripagare dallo (o dagli) sponsor, che così possono garantirsi una visibilità tutt’altro che marginale visto che quelle vaschette di sicuro finiscono nelle mani di tutti coloro i quali transitano negli aeroporti.

Se poi un’azienda ci crede a tal punto da porsi come sponsor unico, il gioco è fatto. E Fastweb ha colto la palla al balzo. Anche perché One.Tray ha nel frattempo stretto accordi con 14 aeroporti. Lì ci saranno solo le vaschette One.Tray, «brandizzate» Fastweb. Negli aeroporti di Milano Linate, Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Roma Ciampino, Bergamo, Torino, Venezia, Verona, Treviso, Bari, Brindisi, Olbia, Genova, Bologna, gli oltre 106 milioni di passeggeri in transito all’anno, pari a circa il 65% di tutto il traffico aeroportuale italiano (dati 2016 Fonte Assaeroporti: + 5% sul 2015), troveranno ai varchi della sicurezza le ceste brandizzate giallo Fastweb.

«Il fatto che un'azienda di primo piano come Fastweb abbia scelto di comunicare con i propri clienti anche attraverso questo mezzo innovativo, non può che essere motivo di orgoglio per noi” ha dichiarato Federico Kluzer, fondatore e managing director di One.Tray. Laurea in economia a Londra per Kluzer, ma idea che lo riporta in Italia per fondare la società con altri tre giovani ex-studenti ora imprenditori: Alessandro Pedote, Nicolò de Brabant e Giovanni Scolari. Si parte con gli accordi con gli aeroporti di Milano e Roma. Da qui poi le porte aperte anche in altri scali. «A Torino abbiamo fatto una prima operazione con Lufthansa. Ma riguardava solo l’aeroporto di Torino per un periodo limitato di tempo».

Si tratta di vaschette prodotte ad hoc da un’azienda partner di Lecco, con un peso inferiore della metà a quelle tradizionali, facendo in questo modo la felicità innanzitutto di chi lavora in aeroporto ai controlli. L’upgrade ora sta nell’aver esteso l’operazione in una rete di aeroporti. Con un’operazione, spiega Federico Ciccone, Chief Marketing & Customer Experience Officer di Fastweb «win-win. Fastweb è una società che da sempre si distingue per la sua capacità di innovare, non solo dal punto di vista tecnologico, infrastruttuale e dei servizi ma anche nel modo di comunicare. Essere presenti contemporaneamente negli aereoporti italiani con One.Tray ci permette una grande visibilità».

© Riproduzione riservata