Economia

Fincantieri costruirà due nuove navi da crociera per Viking

  • Abbonati
  • Accedi
marittima

Fincantieri costruirà due nuove navi da crociera per Viking

Fincantieri, Marghera (Agf)
Fincantieri, Marghera (Agf)

Nuova commessa per Fincantieri da parte Viking Ocean Cruises, la compagnia di navigazione con base a Los Angeles, fondata e guidata dall’armatore norvegese Torstein Hagen. La società e il gruppo italiano guidato da Giuseppe Bono hanno firmato un memorandum of agreement per la costruzione di due navi da crociera di lusso, con l’opzione per altre due.

Il valore ufficiale delle unità non è stato reso noto. Ma gli analisti di Equita Sim e Kepler hanno stimato una cifra intorno ai 300 milioni di euro per nave. Si tratterebbe di un prezzo in crescita rispetto alle prime navi della serie.

Le nuove navi saranno gemelle delle sei già ordinate dalla compagnia a Fincantieri ed entreranno a far parte della flotta di Viking rispettivamente nel 2021 e nel 2022. I relativi contratti saranno operativi quando tutte le condizioni tecnico-finanziarie, anche con Sace, saranno soddisfatte.

La previsioni della rivista specializzata Cruise industry news dicono che nel 2020 Viking, nata come compagnia specializzata nelle crociere fluviali ed entrata nel settore di quelle sul mare proprio grazie alle commesse affidate a Fincantieri, avrà una quota di mercato dominante nel settore lusso, pari al 23,9% (su base posto-letto). E le navi per le quali è stato appena firmato il memorandum si sommeranno a quella percentuale.

Le nuove unità, spiega una nota, «si baseranno sullo stesso progetto di successo delle altre unità ordinate e operative. L’intera flotta comprende tutte cabine veranda; ogni nave ha una stazza lorda di circa 47.800 tonnellate, e ospita a bordo 930 passeggeri in 465 cabine. Come le altre unità gemelle, saranno costruite secondo le più recenti normative in tema di navigazione, e dotate dei più moderni sistemi di sicurezza».

«Lo straordinario momento del settore crocieristico – afferma Bono – continua; e con questo annuncio Fincantieri (che si appresta, entro la fine del mese, a formalizzare con la corte distrettuale di Seul l’atto di acquisizione di Stx France, ndr) ribadisce con forza la propria leadership mondiale».

«Con queste ulteriori navi – prosegue l’ad del gruppo italiano - la serie che ha preso avvio dal prototipo di Viking Star raggiunge quota otto, con la possibilità di allungarsi ancora, grazie ai piani di espansione di questa vivace compagnia che, da leader mondiale del comparto river, decise di entrare in quello delle crociere oceaniche con una startup insieme a Fincantieri come costruttore, ottenendo un enorme successo».

«I nostri ospiti e il mercato – afferma, da parte sua, Torstein Hagen, presidente di Viking, che celebra nel 2017 il 20° anno di attività - hanno espresso grande apprezzamento per le navi che abbiamo costruito con Fincantieri. Nel nostro primo anno di operatività abbiamo ottenuto il World’s best cruise line da travel + leisure, e siamo orgogliosi del dominio di Viking nel Cruisers’ choice awards 2017 di Cruise critic’s, dove abbiamo vinto in 10 categorie, comprese Best overall e Best for first-timers».

«Volevamo – aggiunge - riportare la destinazione sulla crociera, e il pubblico delle crociere ha risposto. Queste navi ulteriori sono necessarie per incontrare la domanda che stiamo registrando. Una volta eravamo noti solo per essere leader nelle crociere fluviali, adesso lo siamo altrettanto per quelle oceaniche di fascia alta».

© Riproduzione riservata