Economia

Il gelato artigianale made in Italy alla conquista dei consumatori esteri

  • Abbonati
  • Accedi
alimentare

Il gelato artigianale made in Italy alla conquista dei consumatori esteri

Il gelato artigianale all’italiana spinge sulla promozione internazionale e, forte della crescita qualitativa e delle competenze di filiera, compie il salto oltreoceano. È così che la tournée di Gelato Festival – la manifestazione itinerante ideata otto anni fa dal fiorentino Gabriele Poli, che oggi può contare sul supporto dell’Ice e sulla partner strategica col salone riminese di gelateria Sigep e col produttore leader di macchine per gelato Carpigiani – quest’anno farà tappa non solo in Italia, Regno Unito, Polonia e Germania.
In autunno il gelato artigianale italiano sbarcherà in Texas, Colorado e Arizona, per cercare di conquistare il gusto dei consumatori americani abituati all’ice cream di natura industriale.

I food truck di Gelato Festival, che accolgono la produzione di gelato, la vendita e i laboratori didattici, cominceranno il tour domani, 21 aprile, dal Piazzale Michelangelo di Firenze (fino al 25 aprile), per poi toccare la Terrazza del Pincio a Roma, piazza Solferino a Torino, piazza Castello a Milano. In giugno usciranno poi dai confini nazionali, approdando all’Old Spitalfields market di Londra, nella piazza accanto alla Torward Hall a Varsavia e nella Spielbudenplatz di Amburgo. A settembre, sempre a Firenze, ci sarà la premiazione del miglior gusto d’Europa, prima di varcare l’oceano e di far rotta negli States.
L’obiettivo di Gelato Festival, messo a fuoco negli anni, è ormai «quello di valorizzare l’intera filiera del gelato made in Italy – spiega Gabriele Poli – dalle materie prime alle macchine per la produzione fino alle vetrine, così da aprire la strada alla diffusione del gelato artigianale e delle gelaterie italiane».

«La filiera made in Italy del gelato è un segmento prezioso della nostra industria agroalimentare – ha sottolineato Piergiorgio Borgogelli, direttore generale dell’Ice in occasione della presentazione a Roma di Gelato Festival – che Ice continuerà a sostenere andando a coprire i mercati esteri più interessanti come Germania, Francia, Spagna, Regno Unito. Anche perché l’export della filiera è in crescita e nel 2016 ha registrato +4,6%».
Oggi nel Belpaese le gelaterie (compresi bar e pasticcerie che vendono il gelato artigianale) sono 39.000 e occupano circa 150mila persone, il 10% in più rispetto a cinque anni fa. Nel mondo le gelaterie artigianali salgono a 100mila, concentrate in Europa. Nord America, Asia e Oceania hanno grandi potenzialità, visto che i numeri sono ancora ridotti: 1.100 gelaterie aperte negli Stati Uniti, 1.200 in Giappone, circa 200 in Australia.

L’Italia è leader mondiale anche nel settore della produzione delle macchine e attrezzature per gelato e gelaterie, un sistema industriale che – secondo dati Sigep – conta 15 imprese, 1,500 addetti (6.000 con l’indotto) e controlla quasi il 90% del mercato mondiale. Infine, l’industria degli ingredienti e dei semilavorati per gelato vede attive in Italia circa 80 imprese con quasi 2.000 addetti e un fatturato complessivo di oltre 250 milioni di euro.

© Riproduzione riservata