Impresa & Territori

Il gelato artigianale made in Italy alla conquista dei consumatori esteri

alimentare

Il gelato artigianale made in Italy alla conquista dei consumatori esteri

Il gelato artigianale all’italiana spinge sulla promozione internazionale e, forte della crescita qualitativa e delle competenze di filiera, compie il salto oltreoceano. È così che la tournée di Gelato Festival – la manifestazione itinerante ideata otto anni fa dal fiorentino Gabriele Poli, che oggi può contare sul supporto dell’Ice e sulla partner strategica col salone riminese di gelateria Sigep e col produttore leader di macchine per gelato Carpigiani – quest’anno farà tappa non solo in Italia, Regno Unito, Polonia e Germania.
In autunno il gelato artigianale italiano sbarcherà in Texas, Colorado e Arizona, per cercare di conquistare il gusto dei consumatori americani abituati all’ice cream di natura industriale.

I food truck di Gelato Festival, che accolgono la produzione di gelato, la vendita e i laboratori didattici, cominceranno il tour domani, 21 aprile, dal Piazzale Michelangelo di Firenze (fino al 25 aprile), per poi toccare la Terrazza del Pincio a Roma, piazza Solferino a Torino, piazza Castello a Milano. In giugno usciranno poi dai confini nazionali, approdando all’Old Spitalfields market di Londra, nella piazza accanto alla Torward Hall a Varsavia e nella Spielbudenplatz di Amburgo. A settembre, sempre a Firenze, ci sarà la premiazione del miglior gusto d’Europa, prima di varcare l’oceano e di far rotta negli States.
L’obiettivo di Gelato Festival, messo a fuoco negli anni, è ormai «quello di valorizzare l’intera filiera del gelato made in Italy – spiega Gabriele Poli – dalle materie prime alle macchine per la produzione fino alle vetrine, così da aprire la strada alla diffusione del gelato artigianale e delle gelaterie italiane».

«La filiera made in Italy del gelato è un segmento prezioso della nostra industria agroalimentare – ha sottolineato Piergiorgio Borgogelli, direttore generale dell’Ice in occasione della presentazione a Roma di Gelato Festival – che Ice continuerà a sostenere andando a coprire i mercati esteri più interessanti come Germania, Francia, Spagna, Regno Unito. Anche perché l’export della filiera è in crescita e nel 2016 ha registrato +4,6%».
Oggi nel Belpaese le gelaterie (compresi bar e pasticcerie che vendono il gelato artigianale) sono 39.000 e occupano circa 150mila persone, il 10% in più rispetto a cinque anni fa. Nel mondo le gelaterie artigianali salgono a 100mila, concentrate in Europa. Nord America, Asia e Oceania hanno grandi potenzialità, visto che i numeri sono ancora ridotti: 1.100 gelaterie aperte negli Stati Uniti, 1.200 in Giappone, circa 200 in Australia.

L’Italia è leader mondiale anche nel settore della produzione delle macchine e attrezzature per gelato e gelaterie, un sistema industriale che – secondo dati Sigep – conta 15 imprese, 1,500 addetti (6.000 con l’indotto) e controlla quasi il 90% del mercato mondiale. Infine, l’industria degli ingredienti e dei semilavorati per gelato vede attive in Italia circa 80 imprese con quasi 2.000 addetti e un fatturato complessivo di oltre 250 milioni di euro.

© Riproduzione riservata