Impresa & Territori

La Calabria «Welcome Chinese» in vetrina a Shanghai

TURISMO

La Calabria «Welcome Chinese» in vetrina a Shanghai

Il mare, i monti, i borghi, i Bronzi di Riace e le eccellenze agroalimentari. La Cina ama la Calabria, al punto da nominarla Welcome Chinese Destination, con tanto di certificazione consegnata in questi giorni nel corso dell’Itb China di Shanghai, la più importante fiera del turismo cinese dedicata all’outbound. Il riconoscimento definisce uno standard esclusivo per l’accoglienza dei cinesi, disposto dalla China Tourism Academy, ente del ministero del Turismo, che ha inserito la regione italiana in un circuito di grande visibilità.

Welcome Chinese è un marchio particolarmente strategico considerato che il 2018 sarà l'anno del turismo Europa-Cina. Una delegazione di 5 tour operator calabresi, accompagnata da alcuni funzionari della Regione, stanno presentando nel padiglione Europa della fiera, le offerte turistiche e promuovendo, con il brand “Rosso Calabria”, tutti i sapori del territorio.

Fra qualche giorno, infatti, a partire dal 17 maggio, l’attenzione si sposterà sull’enogastronomia al Sial China di Shanghai: un altro passo alla conquista del mercato cinese, questa volta con prodotti tipici e le rinomate cantine dell’enoteca regionale. Ma anche un progetto di ricerca comune: Cina e Calabria si impegnano a preservare le varietà più antiche di peperoncino e promuovere studi sulla sua utilizzazione, valorizzando ogni forma di espressione artistica ad esso correlata.

Ma la regione che più di tutte quest’anno non passa inosservata per turismo ed enogastronomia (incoronata dal New York Times come una fra le mete imperdibili del 2017) è consapevole che la passione nutrita dalla Cina nei suoi riguardi va ben alimentata: «Ci stiamo giocando una carta importante . Il turismo cinese – sottolinea il governatore Mario Oliverio – è anche un’opportunità per destagionalizzare l’offerta turistica, dal momento che i cinesi non sono particolarmente attratti dai viaggi estivi. Questo può allungare i soggiorni nei nostri borghi costieri, interessare le aree interne, i nostri giacimenti culturali».

A fine giugno una delegazione di operatori turistici e di giornalisti cinesi sarà in visita in Calabria per scoprire tutti gli itinerari possibili e fare nuove esperienze di viaggio. Intanto in Cina è già partita la campagna per la promozione della Calabria.

© Riproduzione riservata