Impresa & Territori

Portovesme, tre ipotesi per risolvere il nodo degli smaltimenti

metallurgia

Portovesme, tre ipotesi per risolvere il nodo degli smaltimenti

Tre ipotesi per evitare la fermata della Portovesme srl (controllata dalla Glencore), il sito metallurgico del Sulcis Iglesiente che produce piombo e zinco. E che ora deve fare i conti con la discarica in uso in via di esaurimento e i tempi dilatati relativi al progetto per la costruzione di un nuovo sito di smaltimento. A illustrare le tre linee attualmente al vaglio degli uffici regionali e rimarcando «tutto l’impegno a chiudere la procedura in tempi rapidi, vista la rilevanza della partita» è stata l’assessore regionale all’Ambiente, Donatella Spano, sentita in audizione dalla commissione Attività produttive del Consiglio regionale.

In attesa che si concluda la pratica sul progetto per la nuova discarica e possano partire quindi le opere, resta da risolvere l’emergenza. Ossia, la discarica in uso è in via di esaurimento (il potenziale di stoccaggio è, secondo gli addetti ai lavori, di circa 3 mesi) e si cercano soluzioni tampone per garantire la continuità lavorativa dello smelter che viaggia a ciclo continuo. Una via provvisoria che contempla, come riferito dall’esponente dell’Esecutivo regionale, tre soluzioni: conferimento in discariche alternative private, utilizzo della parte finale dell’attuale discarica in uso con un ulteriore abbancamento di 25 mila tonnellate di residui o stoccaggio provvisorio nelle “vasche” presenti all’interno dello stabilimento.

«Con queste soluzioni si risolve un’emergenza – spiega Salvatore Cappai, della Filctem regionale – ma è necessario che l’iter sul progetto principale rispetti i tempi previsti; un’iniziativa come questa e un impianto come questo non possono permettersi ulteriori rallentamenti e fermate». L’azienda proprietaria dell’impianto metallurgico sardo, privatizzato 18 anni fa dalla Glencore, ha un fatturato di mezzo miliardo di euro l’anno e produce piombo, zinco (coprendo il 50% del fabbisogno nazionale), rame, acido solforico, rame, argento e oro e può contare sull'apporto di 673 dipendenti diretti, 520 delle imprese d’appalto e 200 dell’indotto.

Per il futuro sono previsti investimenti per ulteriori 70 milioni di euro (nell’importo complessivo è compreso anche l'investimento per la nuova discarica). «Per i prossimi giorni, come organizzazioni sindacali, abbiamo chiesto un incontro con il ministro dell'Ambiente – conclude Cappai – proprio per discutere di questo argomento. È sacrosanto che le regole e le norme vengano rispettate e tutto va fatto sempre secondo la legge. La stessa regola vale anche per i tempi delle procedure. Qui non possiamo permetterci di perdere altro tempo».

© Riproduzione riservata