Impresa & Territori

Fatturazione a 4 settimane, così le Telco ignorano l’Agcom

dopo la svolta di sky

Fatturazione a 4 settimane, così le Telco ignorano l’Agcom

(Marka)
(Marka)

Dal 24 giugno non se ne sarebbe dovuta avere più traccia. Eppure, basta dare uno sguardo ai siti delle compagnie telefoniche per constatare che la fatturazione a 4 settimane per le offerte di telefonia è ben lungi dall’essere stata riposta nel dimenticatoio, come invece era stato deliberato da Agcom a marzo. Attenzione: la fatturazione a 4 settimane rimane valida, possibile e legittimata, anche dall’Autorità, per le offerte di telefonia mobile. Per il fisso e per le offerte fisso-mobile la cadenza delle richieste economiche deve essere mensile. Anzi dovrebbe, perché così non è.

La questione della fatturazione a 28 giorni (anziché a cadenza mensile) è tornata all’attenzione in questi giorni con la decisione di Sky di introdurre il pagamento della quota di abbonamento mensile ogni 28 giorni. In questo modo le mensilità pagate finiranno per essere 13 e non più 12, con un aumento dell’8,6% annuo che la media company di casa Murdoch ha segnalato – in realtà con trasparenza – ai propri abbonati con una comunicazione. Nella stessa lettera si faceva presente che gli abbonati hanno anche la possibilità di esercitare il diritto al recesso, senza pagamenti di penali per chi lo chiede entro il 30 settembre.

Le compagnie telefoniche erano partite con la fatturazione a 28 giorni già nel 2015. L’Antitrust è anche intervenuta con sanzioni per i 3 principali operatori. Sul tema comunque un punto fermo ha cercato di metterlo Agcom con la delibera 121/17/CONS. Risultato, come detto: fatturazione mensile sui contratti di telefonia fissa, Adsl e fibra; vietata quella a 28 giorni. Riguardo alla telefonia mobile (la cui tariffazione minima dovrà comunque essere di 28 giorni), la delibera 121/17/CONS incide solo sulle offerte ibride (fisse-mobili): lì varrà la tariffazione mensile. Fra i vari motivi a spiegare il diverso trattamento fra fisso e mobile, Agcom ha segnalato che il 76% del traffico mobile in Italia è prepagato.

Per adeguarsi al provvedimento le telco hanno avuto 90 giorni a partire dalla data di pubblicazione del provvedimento, a marzo. Adeguamento che per i principali operatori non è arrivato a giudicare da quanto si legge nei siti di Tim, Vodafone, Infostrada, Fastweb, in cui il pagamento anche sul fisso è richiesto sulle 4 settimane, seppur evidenziando, in molti casi, il corrispettivo della cifra da pagare su scala mensile. A quanto risulta al Sole 24 Ore Agcom ha aperto un’istruttoria che come conclusione teoricamente possibile (non è detto che accada) contempla una fase di diffida e poi eventuali sanzioni.

La decisione delle compagnie di non adeguarsi è stata forse presa anche nell’attesa di conoscere quale sarà la determinazione del Tar, cui tutte si sono rivolte impugnando la delibera Agcom contro la quale, già al momento del varo, l’associazione di categoria Asstel-Assotelecomunicazioni ha espresso una dura presa di posizione parlando di delibera «priva di basi giuridiche» perché «Agcom non ha il potere di disciplinare il contenuto dei rapporti contrattuali fra operatori e clienti», ma può invece «soltanto intervenire in materia di trasparenza informativa». Peraltro, ha segnalato Asstel in una nota, «sul tema è intervenuto di recente anche il Tar del Lazio ribadendo la piena legittimità da parte degli operatori di introdurre modifiche unilaterali al contratto, fatto salvo il diritto di recesso del cliente ». Per questo «tuteleremo i diritti dei nostri associati nelle sedi più opportune», ha chiosato il presidente Asstel, Dina Ravera.

«Tim – dicono dalla compagnia telefonica – nel mese di maggio ha impugnato dinanzi al Tar Lazio la delibera 121/17 in quanto contiene profili di illegittimità e comprime il diritto degli operatori di Tlc di fissare i cicli di fatturazione anche al di sotto del periodo mensile. In uno spirito di collaborazione con l’Autorità, Tim sta già provvedendo a migliorare gli aspetti di trasparenza garantendo la massima chiarezza informativa sui cambiamenti dei cicli di fatturazione. In particolare nelle “schede offerte” presenti sul sito web dedicate proprio alla trasparenza è stato inserito il prezzo espresso ogni 28 giorni e quello a 30 giorni così da garantire una facile confrontabilità tra le offerte. Saranno poi effettuati altri interventi in tal senso».

© Riproduzione riservata