Impresa & Territori

Alessi inaugura il primo monomarca di design sulla piattaforma Alibaba

ecommerce

Alessi inaugura il primo monomarca di design sulla piattaforma Alibaba

È la prima azienda del design italiano a inaugurare uno store monomarca sulla piattaforma Tmall Global di Alibaba, il colosso cinese dell’ecommerce che raggiunge 466 milioni di utenti attivi in tutto il Paese asiatico e rappresenta oggi già 150 negozi italiani che vendono direttamente in Cina un migliaio di brand made in Italy.

Con questa operazione Alessi - storico marchio del design per la casa fondato a Omegna nel 1921 – punta a consolidare la sua presenza in Cina, un mercato da sempre ritenuto strategico, ma di difficile penetrazione, senza gli strumenti e i partner giusti, come spiega l’amministratore delegato marco Pozzo: «Siamo presenti da tempo nel Paese, ma con una rete limitata, all’interno di rivenditori multimarca e solo in alcune città. Abbiamo pensato che il canale dell’ecommerce fosse quello più adatto per raggiungere il maggior numero di clienti e cavalcare l’onda favorevole di un crescente interesse nei confronti del design italiano da parte dei consumatori cinesi. È il momento giusto per affrontare in maniera strutturata questo mercato».

Non solo: la vendita attraverso la piattaforma B2C Tmall Global (che dal 2014 permette di vendere online in Cina anche alle aziende senza legal identity cinese e senza una presenza fisica nel Paese) consente di stabilire un rapporto diretto con il cliente e dunque la possibilità di conoscerne meglio l’identità, i gusti, le abitudini e la localizzazione geografica. Tutti elementi che, spiega Pozzo, in un’ottica di retail “multichannel” potranno rafforzare le vendite anche nei negozi fisici.

«Il canale online ci permette di superare quelle barriere di costi per la distribuzione che finora hanno rallentato la nostra espansione in Cina», aggiunge Pozzo. Alessi ha del resto un’esperienza nell’ecommerce molto avanzata, soprattutto se confrontata alla media del settore, con vendite online (soprattutto in Europa e Nord America, tramite il proprio store online oppure piattaforme specializzate o generaliste) che raggiungono ormai il 15% del fatturato, contro una media del settore arredo-design che supera appena l’1%.
La gestione diretta della vendita consentirà inoltre ad Alessi di costruire, in collaborazione con un’agenzia di comunicazione cinese, la propria immagine di identità e di brand in linea con i valori dell’azienda, in modo da comunicare ai consumatori il valore dei prodotti e posizionarli sulla fascia alta del mercato. Per la logistica, è stato aperto un magazzino a Hong Kong, con un partner di Alibaba, che darà supporto anche per la distribuzione dei negozi fisici.

«L’apertura del monomarca Alessi per noi è un passaggio importante – dice Christina Fontana, Business development director di Alibaba Italia, prima controllata europea del gruppo, aperta due anni fa -. Vendiamo già prodotti di design, ma solo in store multimarca. Ora vogliamo accelerare e potenziare questo settore, perché il mercato della casa è in forte espansione in Cina, con oltre 790 miliardi di dollari spesi ogni anno». Senza contare la forza del canale ecommerce in Cina, che passa soprattutto attraverso app per dispositivi mobili: per questo, spiega Fontana, è utile per le aziende avere degli store monomarca o comunque una presenza su un’unica piattaforma, visto che gli utenti difficilmente possono tenere decine di app (una per ogni brand) sul telefonino.

Inoltre, aggiunge Fontana, «di tutto il commercio online legato al mondo della casa, il 60% passa attraverso Alibaba. Il vantaggio per le imprese è soprattutto il rapporto diretto con i consumatori». La partnership con Alessi è solo il primo passo concreto di una strategia che punta a coinvolgere il maggior numero di brand del design italiano ed europeo. «Siamo già molto avanti con il comparto moda – conclude Fontana – e vorremmo recuperare terreno anche con l’arredo-design. certo, ci sono alcune difficoltà logistiche che frenano, rispetto ia prodotti del fashion, ma le potenzialità ci sono e staimo investendo per questo».

© Riproduzione riservata