Impresa & Territori

Nestlé punta su Buitoni a Benevento per l’hub internazionale della…

agroalimentare

Nestlé punta su Buitoni a Benevento per l’hub internazionale della pizza

Le prime pizze escono dallo stabilimento Buitoni di Benevento e vengono distribuite in Italia e nel mondo: primo traguardo di un investimento del gruppo Nestlé che punta a creare in Campania un hub internazionale della pizza surgelata. L’annuncio dell’investimento risale alla fine dell’anno scorso e in meno di un anno la prima linea produttiva è ormai attiva. Mentre i lavori avanzano e il completamento dell’investimento da 50 milioni è programmato per il 2020, quando tre linee produttive saranno a regime e all’attuale organico di un centinaio di persone se ne aggiungeranno altre 150.

Lo stato di avanzamento dei lavori è stato illustrato a Benevento da Leo Wencel, capo mercato del gruppo Nestlé Italia e da Massimo Ferro, direttore corporate strategy del gruppo Nestlé alla presenza tra gli altri del ministro per la Coesione e del Mezzogiorno Claudio De Vincenti, del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, del sindaco di Benevento Clemente Mastella. Presenti anche Domenico Arcuri, ad di Invitalia e Filippo Liverini, presidente di Confindustria Benevento. L’investimento è sostenuto con un contratto di sviluppo, gestito da Invitalia, e con un finanziamento della Regione Campania.
«Quando lo stabilimento sarà a regime – precisa Leo Wencel – avremo una fabbrica 4.0 che potrà produrre fino a 350 pizze al minuto».

«Un grande potenziamento del business e una grande sfida per il made in ITaly. Del resto – aggiunge Wencel – Nestlé è presente in Italia da più di 100 anni poiché crede in questo Paese. Oggi l'Italia è il decimo mercato per il gruppo».

«Gli investimenti nel Mezzogiorno crescono più che al Centro Nord – precisa il ministro De Vincenti – e quello di Nestlé a Benevento è un esempio. Mi colpisce il fatto che un prodotto tradizionale, grazie all’utilizzo di nuove tecnologie molto avanzate, possa arrivare sulla tavola dei consumatori in tutto il mondo».

© Riproduzione riservata