Impresa & Territori

Sky rilancia sulla tutela ambientale: stop agli imballaggi di plastica

fondo per la salvaguardia degli oceani

Sky rilancia sulla tutela ambientale: stop agli imballaggi di plastica

Sky dice basta alle plastiche monouso e le bandisce dalle proprie attività. Da oggi la media company di Rupert Murdoch si impegna a trasformare il proprio business eliminando l’inquinante da prodotti e catene di approvvigionamento entro il 2020. Si tratta di un nuovo impegno nel quadro della campagna «Sky Ocean Rescue – Un mare da salvare», lanciata nel gennaio di quest’anno per sensibilizzare il pubblico e affrontare il grave problema delle plastiche monouso nell’oceano.

Tutti i nuovi prodotti Sky avranno imballaggi privi di questi materiali sintetici. Entro la fine del 2017 anche tutti i nuovi prodotti saranno privi di plastica monouso. Inoltre, Sky aiuterà i propri partner commerciali e le catene di approvvigionamento a trasformare le loro attività. L’azienda userà anche la propria esperienza nell’innovazione, nell’imprenditorialità e nell’utilizzo delle risorse per aiutare a risolvere il problema più ampio dell’uso della plastica, individuando imprese e start-up che stanno sviluppando la tecnologia per eliminare le plastiche monouso dalle catene di approvvigionamento, per fare in modo che la plastica non finisca più negli oceani. Sky lancerà l’Ocean Rescue Innovation Fund cui devolverà 25 milioni di sterline per cinque anni per investire in queste nuove idee.

Ulteriori dettagli sul fondo saranno annunciati a breve. Allo stesso tempo, la media company coopererà anche con il Wwf per la salvaguardia delle aree marine protette (Mpa) delle zone costiere dei territori europei nei quali opera - il Regno Unito e l’Irlanda, la Germania e l’Italia. Le aree marine protette sono definite aree di oceano e costa essenziali per il recupero e la protezione del nostro oceano e dei servizi vitali che fornisce. Sky e il Wwf incoraggeranno il pubblico a unirsi a loro nell’adottare, proteggere e valorizzare queste aree costiere attraverso una campagna da lanciare entro la fine di quest’anno. «A Sky - commenta il ceo Jeremy Darroch - siamo molto attenti all’ambiente e crediamo di avere la responsabilità di dover agire su questioni che sono importanti per i nostri clienti. Dieci anni fa, siamo stati la prima azienda media a diventare carbon neutral e guardando ai prossimi dieci anni, vogliamo usare la nostra voce e la nostra presenza per avere un effetto positivo sulla salute dell’oceano»,

© Riproduzione riservata