Impresa & Territori

Il progetto «Esedra» per connettere le Pmi dell’aerospazio e…

FINANZA STRAORDINARIA

Il progetto «Esedra» per connettere le Pmi dell’aerospazio e la finanza

  • –di

Programmi di finanza straordinaria per le imprese dell’aerospazio.
A lanciare il programma è Nomos Value Research, che grazie a consolidate partnership con soggetti nell’ambito della finanza straordinaria, ha deciso di lanciare il suo piano a favore di tutte le imprese del settore dell’aerospazio per accompagnarle in operazioni di finanza straordinaria, sia di debito (con emissione di bond e minibond) sia di equity (dal private equity all’Ipo), nei processi di internazionalizzazione e nella strutturazione e sviluppo di startup.

«Abbiamo lanciato un programma a tutto tondo – ha detto Mario Suglia fondatore e Ceo di Nomos Value Research, società di adivisory strategica e finanziaria – rivolto alle imprese del settore dell’aerospazio che prevede percorsi di preparazione a intraprendere programmi di finanza straordinaria e l’istituzione di un Osservatorio, “Esedra”, per studi, approfondimenti culturali e formazione sul settore».

La finanza straordinaria è uno strumento che non solo porta liquidità reale alle imprese, ma soprattutto le costringe a generare innovazione in termini di visione, di organizzazione, di governance, di finanza, di attenzione al patrimonio, di attenzione alle relazioni nazionali e internazionali.

Del resto, si tratta di strumenti particolarmente adatti a un settore che necessita di fare investimenti di lungo periodo che prevedono ricerca, sperimentazioni, testing e poi industrializzazione, per i quali i tradizionali finanziamenti bancari non sono adeguati.

«Il programma – ha spiegato il vicepresidente di Nomos Value Research Roberto Race – prevede anche la nascita di un Osservatorio “Esedra”, che per la prima volta vada a realizzare studi sugli aspetti economici del settore, sull’impatto sociale delle singole imprese, sui cambiamenti in corso, sul livello di ricerca, e su molto altro, grazie ad accordi con alcune università italiane eassociazioni di categoria».

© Riproduzione riservata