Impresa & Territori

Dossier Citizen festeggia un secolo di hi-tech

    Dossier | N. 48 articoliRapporto Orologi

    Citizen festeggia un secolo di hi-tech

    Citizen Crono 4320 con cassa e bracciale in Super Titanio a finitura platino (348 euro).
    Citizen Crono 4320 con cassa e bracciale in Super Titanio a finitura platino (348 euro).

    Ricerca e sviluppo di nuove tecnologie continuano ad avere un ruolo centrale nella strategia di Citizen, azienda giapponese specializzata nella produzione di orologi da polso che nel 2018 festeggerà un secolo di storia. Il marchio, che dichiara fin dal nome la sua vocazione democratica (appartenere a tutti i cittadini del mondo), è stato infatti fondato a Tokyo nel 1918. Una tradizione quasi centenaria, caratterizzata da innovazioni decisive che hanno contribuito all’evoluzione del mondo dell’orologeria, e una visione chiara del futuro: migliorarsi continuamente.

    La filiale italiana dell’azienda, che gestisce i brand Citizen e Vagary, si avvia a riconfermare nel 2017 il fatturato dello scorso esercizio. Per un marchio come quello giapponese, che ha sempre puntato su una comunicazione trasparente, centrata sul prodotto, il mercato italiano rappresenta una sfida notevole: Citizen ha bisogno di retailer professionali, capaci di comunicare le caratteristiche tecnologiche dei suoi orologi confezionando un’offerta su misura del cliente. Il marchio giapponese si rivolge infatti a un pubblico attento, che in un orologio cerca affidabilità, precisione e innovazione. Innovazione che oggi per Citizen può essere riassunta in tre tecnologie brevettate: Eco-Drive, Radiocontrollo e Supertitanium.

    Parlare di Eco-Drive significa fare un salto indietro nel tempo, quando nel 1976 Citizen brevetta il primo orologio analogico al quarzo che utilizza la luce come fonte d’energia. Eco-Drive permette all’orologio di funzionare senza mai sostituire la batteria o, nel caso dei movimenti meccanici, senza le periodiche ricariche manuali. Un brevetto, quello di Citizen, che ha ottenuto diversi riconoscimenti internazionali per il contributo dato alla salvaguardia dell’ambiente. Uno dei suoi tratti distintivi, rispetto alle altre tecnologie per il funzionamento continuo dell’orologio, e la riserva di carica: quando gli orologi Citizen sono completamente carichi, continuano a funzionare per almeno 6 mesi, anche al buio. Le lancette infatti, quando la carica è insufficiente, risparmiano energia spostandosi a intervalli di 2 secondi, salvo poi tornare a funzionare regolarmente in presenza di luce. Inoltre, Citizen ha inventato il primo indicatore al mondo per orologi analogici: questo strumento rileva l’intensità della luce che colpisce il quadrante e mostra il corrente livello di generazione di energia, permettendo a chi indossa l’orologio di misurare il livello di carica in qualsiasi situazione. Eco-Drive è disponibile anche per i modelli Bluetooth.

    Altra tecnologia esclusiva brevettata da Citizen è il radiocontrollo, che consente precisione assoluta nella misurazione del tempo, ovunque ci si trovi. Un orologio atomico, infatti, trasmette via onde radio segnali che vengono captati dai sistemi di ricezione installati sui segnatempo Citizen. Questa tecnologia è stata brevettata nel 1993 e continuamente perfezionata dal brand giapponese: oggi, passati dal radiocontrollo terrestre a quello satellitare, il margine d’errore di un orologio è di 1 secondo ogni 100mila anni.

    L’approccio tecnologico dell’azienda coinvolge anche lo studio dei materiali. Il risultato di questa ricerca è un brevetto esclusivo, Super Titanium, che è riuscito a migliorare le caratteristiche già straordinarie del titanio. Grazie a una tecnica di indurimento della superficie, Duratect, Citizen è riuscita a mantenere la leggerezza tipica del titanio, quintoplicandone però la resistenza all’abrasione, rendendo così ogni orologio incredibilmente resistente all’usura, oltre che ipoallergenico. L’incessante spinta al miglioramento del marchio giapponese ha portato ad evolvere anche il Super Titanium, che viene oggi proposto in versione Ptic, con finitura al platino. Questa particolare lavorazione dona all’orologio una brillantezza e una luminosità straordinarie.

    Il Super Titanio Ptic viene utilizzato da uno dei modelli Citizen che hanno avuto più successo in Italia: stiamo parlando del Crono 4320. Questo modello custodisce un movimento Eco-Drive a carica luce con riserva di 8 mesi. Il prezzo al pubblico del Crono 4320 è di 348 euro.

    Vagary, brand di orologi mass market di Citizen, cresce in controtendenza con il suo segmento specifico. Molto apprezzato dal pubblico per l’accessibilità economica, il marchio propone sei collezioni che rispondono alle diverse esigenze del mercato: Aqua39, Navypilot, Explore, Rockwell, Flair e Girls. Uno dei modelli più venduti è il cronografo maschile Aqua39 con cassa in acciaio da 43,7 millimetri impermeabile fino a 10 atmosfere, movimento al quarzo Citizen e cinturino in silicone. Il prezzo al pubblico del cronografo Aqua39 è di 119 euro.

    © Riproduzione riservata