Impresa & Territori

Dossier Per Breitling novità su modelli e azionisti

    Dossier | N. 48 articoliRapporto Orologi

    Per Breitling novità su modelli e azionisti

    Il Navitimer DC-3 world tour, cronografo con cassa in acciaio di 46 mm. Prezzo: 8.600 euro
    Il Navitimer DC-3 world tour, cronografo con cassa in acciaio di 46 mm. Prezzo: 8.600 euro

    Il 2017 passerà alla storia come un anno di svolta per Breitling. A fine aprile, il fondo d’investimento inglese Cvc Capital partners ha rilevato il marchio dalla famiglia Schneider, presente ancora nella compagine societaria con una quota del 20 per cento, per una cifra che, stando alle indiscrezioni, è stata valutata in circa 800 milioni di euro. A luglio l’ingresso sulla scena di Georges Kerns. Il manager ha lasciato il Gruppo Richemont nonostante a inizio 2017 gli fosse stato affidato l’incarico di gestire tutti i marchi della divisione orologiera, nell’ambito del quale aveva ricoperto per 14 anni il ruolo di amministratore delegato del brand IWC.

    L’uomo giusto, al posto giusto, nel momento giusto. All’ordine del giorno tra le priorità di Cvc Capital rientra lo sviluppo del marchio di Grenchen su una scala sempre più internazionale, andando a presidiare con maggior efficacia quei mercati, Asia in testa, che hanno ancora un forte potenziale da esprimere. Tutto questo anche nell’ottica di alzare l’asticella del fatturato, che secondo gli analisti del settore ha visto Breitling registrare nel 2016 un giro d’affari valutato intorno ai 370 milioni di euro, con 145mila orologi venduti. Una crescita che non può non tener conto del prodotto. E in questo senso la maison ha diverse carte vincenti in mano. A iniziare dal Superocean Heritage II, modello presentato quest’anno per celebrare i 60 anni di una collezione oggi diventata un’icona a livello mondiale. Breitling si è distinta anche per un’iniziativa che se da un lato ha rinsaldato il legame con il mondo del volo dall’altro ha fatto entrare la maison nel Guinness dei primati.

    Protagonista un DC-3 costruito nel 1940 che, con i colori della casa orologiera, ha compiuto il giro del mondo partendo a marzo da Ginevra e atterrando a fine settembre a Sion. Il tutto dopo aver percorso 45mila chilometri, visitato 27 nazioni e compiuto 62 tappe. Oltre ai due piloti, come compagni di viaggio c’erano 500 esemplari di Navitimer in edizione speciale. Elemento caratterizzante di questo segnatempo, il fondello sul quale è inciso il logo del Breitling DC-3 World Tour. Ogni orologio è accompagnato dal diario di bordo firmato dal comandante, sul quale sono riportate l’ora di decollo e atterraggio, le tappe, i tempi percorrenza e le condizioni meteo.

    © Riproduzione riservata