Impresa & Territori

Ryanair, svolta storica: riconosce i sindacati dei piloti.…

COMPAGNIE LOW COST

Ryanair, svolta storica: riconosce i sindacati dei piloti. Anpac sospende sciopero, Fit-Cisl no

Epa
Epa

Svolta storica per Ryanair. In un comunicato diffuso oggi, il vettore low cost irlandese ha annunciato che riconoscerà il ruolo dei sindacati per la prima volta nei suoi oltre 30 anni di storia. La decisione arriva dopo il crescendo di proteste che avrebbe potuto sfociare in una serie di scioperi sotto al periodo natalizio. Il rifiuto di concedere margini alle parti sociali era sempre rimasto un cardine del modello dell’azienda. Ryanair - si legge in una nota - cambierà la sua politica di lunga data di non riconoscere i sindacati al fine di evitare qualsiasi minaccia di interruzione del servizio ai suoi clienti e ai suoi voli da parte dei sindacati dei piloti durante la settimana di Natale.

Ryanair ora chiede a questi sindacati dei piloti di interrompere le azioni minacciate per oggi e per mercoledì 20 dicembre, «in modo che i nostri clienti possano aspettarsi di tornare a casa per Natale senza la minaccia o la preoccupazione» di scioperi dei piloti. In precedenza, l’azienda aveva suscitato polemiche dopo aver minacciato - letteralmente - di sanzioni i piloti in caso di adesione allo sciopero.

Le reazioni dei sindacati sono opposte. Mentre Anpac ha sospeso lo sciopero previsto per oggi dalle 13 alle 17, Fit-Cisl andrà avanti con la protesta.
«Spero che Ryanair cambi rotta verso tutti i lavoratori - dice Nico Piras, segretario generale di Fit-Cisl - e non solo verso i piloti».

La lettera ai piloti. O’Leary: cambiamento significativo
Ryanair ha annunciato di aver scritto ai sindacati dei piloti di Irlanda, Regno Unito, Germania, Italia, Spagna e Portogallo, invitandoli a colloqui per riconoscere questi sindacati come organi rappresentativi dei piloti di Ryanair in ognuno dei questi paesi, purché istituiscano delle commissioni dei piloti che si occupino delle questioni della compagnia, dato che Ryanair non si impegnerà con piloti che volano per compagnie aeree concorrenti. L'amministratore delegato di Ryanair Michael O'Leary ha sottolineato che «i voli di Natale sono molto importanti per i nostri clienti e desideriamo rimuovere qualsiasi preoccupazione che possano essere disturbati da azioni sindacali dei piloti la prossima settimana. Se il modo migliore per farlo è parlare ai nostri piloti attraverso un processo sindacale riconosciuto - ha aggiunto - allora siamo pronti a farlo, e abbiamo scritto oggi a questi sindacati invitandoli a colloqui per riconoscerli e invitarli a cancellare la minaccia di azioni sindacali pianificate per la settimana di Natale».

O'Leary ha rilevato che «riconoscere i sindacati rappresenterà un cambiamento significativo per Ryanair, ma abbiamo già apportato cambiamenti radicali, di recente, quando abbiamo lanciato Ryanair Labs e il miglioramento del nostro programma clienti di grande successo Always Getting Better nel 2013. Mettere in primo piano le esigenze dei nostri clienti ed evitare interruzioni ai loro voli di Natale è la ragione per cui ora tratteremo con i nostri piloti attraverso strutture sindacali nazionali riconosciute e speriamo e ci aspettiamo che queste strutture possano essere concordate con i nostri piloti all'inizio del nuovo anno».

«Non è una concessione. È il minimo sindacale e non basta». Così il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda ha commentato la decisione di Ryanair di riconoscere.

© Riproduzione riservata