Impresa & Territori

Parte il primo container «Gustoso»: trasporta food made in…

reti d’impresa

Parte il primo container «Gustoso»: trasporta food made in Sicilia in Usa

Il primo container per l’America prenderà il largo a fine febbraio: trasporterà prodotti alimentari siciliani con l’etichetta della rete di imprese made in Sicily “Gustoso”. Salse, sciroppi di zucchero, vinaigrette, vino e caffè sbarcheranno sugli scaffali della gdo americana di Walmart e Sam’s Club. Con la prima spedizione diventa così pienamente operativa la Rete che riunisce oggi 12 imprese isolane con produzioni eccellenti, a cui stanno per aderire altre società interessate a lavorare in filiera e accelerare sull’internazionalizzazione.

Gli accordi sono fatti, manca solo la firma. Aderiscono alla rete Gustoso Sabadì, azienda specializzata nella produzione di cioccolato biologico lavorato a freddo, Acqua Milicia, Italkali, tra le principali aziende in Europa per l’estrazione, la lavorazione e l’esportazione del salgemma. Ancora, Distillati Bianchi, da 4 generazioni nel settore vinicolo e dei distillati. E altri come Antica Sicilia, Dalli Cardillo, Nino Castiglione.

Altri ingressi in rete riguardano invece soggetti che con il ruolo di partner si propongono come promotori e sostenitori. Tra questi Slow Smoking & Co, produttore del primo sigaro made in Sicily col tabacco coltivato a Cerda.
Ricamificio By Ciuro, azienda qualificata e certificata di ricamo;  Ortigia Sicilia per i profumi; Siciliana Bag, che lavora borse di paglia; e Falkensteiner Hotels & Residences, gruppo alberghiero di successo con hotel a 4 stelle, 4 stelle superior e 5 stelle situati in 6 paesi dell'Europa centrale: Austria, Croazia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Italia e Serbia.

Falkensteiner ospiterà presso le proprie strutture a 5 stelle la Settimana della Cucina Siciliana Gustoso e supporterà la promozione delle eccellenze dell’isola e dei prodotti Gustoso. Così il Romano Palace Luxury Hotel, unico albergo cinque stelle lusso presente sul lungomare della Playa di Catania, la spiaggia della città. Tra le iniziative più importanti in programma per il 2018, tra l’altro è prevista l’apertura del primo Temporary Store Gustoso all’interno del Grand Hotel Villa Igiea di Palermo.

La storia

Insomma è in grande crescita la rete siciliana che era partita con dodici aziende riunite in un unico brand per andare alla conquista dei mercati esteri.  Gustoso Sicilian Food Excellence è nata dall’intuizione di Daniele Cipollina, imprenditore palermitano del settore pubblicità e marketing, e Paolo Internicola, direttore generale di Gustoso Import Usa, distributore e unico interlocutore per la Gdo e l’Horeca con sede in Florida, nella zona di Washington DC e a New York. Alla rete di imprese aderiscono subito marchi blasonati del settore: dai Molini Riggi al Birrificio Bruno Ribadi, e poi Made Fruit, Marullo srl, Azienda Vitivinicola Tonnino, Gustibus Alimentari, Miscela D’Oro, Asaro, Pannitteri, Valle del Dittaino, Olive di Sicilia e Gustoso Export.
Gli obiettivi sono ambiziosi: quest’anno il mercato di riferimento sarà quello del Nord America e dal 2019 verrà strutturata la commercializzazione di “Gustoso” in UK e sarà allo studio il possibile ingresso nel mercato cinese. Il volume di affari previsto per i primi 24 mesi di attività, come da piano industriale, è di 25 milioni di dollari. Dopo una prima fase di promozione molto spinta con eventi realizzati in Italia ma sopratutto all’estero, si passa a testare il primo mercato.

Il mercato Usa

Gustoso Import Promotion Usa è il riferimento statunitense per le aziende della rete, una sorta di “facilitatore” specializzato che permette alle imprese di iniziare a operare in quel mercato senza dover chiedere un supporto a più fornitori, dagli avvocati alle agenzie delle entrate, dai sindacati agli uffici comunali. Gustoso Import Promotion Usa con sede in Florida gestisce le pratiche di importazione in America e la messa a norma di prodotti più complessi come le conserve, i formaggi o tutte le specialità alimentari per le quali è necessario ottenere il permesso di importazione negli Stati Uniti. Inoltre, costruisce la rete di vendita negli Stati Uniti formata da rappresentanti indipendenti, agenti di commercio o distributori.


© Riproduzione riservata