Impresa & Territori

Export, Coldiretti: «Lo spumante doppia lo champagne»

food

Export, Coldiretti: «Lo spumante doppia lo champagne»

Record di esportazioni per lo spumante italiano che nel 2017 ha doppiato lo champagne francese. A dirlo sono i dati di Coldiretti secondo cui lo scorso anno l’Italia ha mandato all’estero 360 milioni di litri di “bollicine”, con un aumento dell’11% rispetto all’anno precedente. «Fuori dai confini nazionali - sottolinea la Coldiretti - i consumatori più appassionati sono gli inglesi che non sembrano essere stati scoraggiati dalla Brexit e sono nel 2017 il primo mercato mondiale di sbocco delle spumante italiano con le bottiglie esportate che fanno registrare un aumento del 13% di gran lunga davanti agli Stati Uniti, mentre in posizione più defilata sul podio si trova la Germania».

Nella classifica delle bollicine italiane preferite nel mondo ci sono tra gli altri il Prosecco, l’Asti, e il Franciacorta. Nel 2017 è stato raggiunto per la prima volta il record storico dell’esportazioni di spumante italiano all’estero anche in valore per un importo stimato a 1,3 miliardi anche se, secondo Coldiretti, «risulta ancora molto elevato il differenziale di prezzo medio per bottiglia rispetto allo champagne che spunta quotazioni medie molto superiori». A pesare è il fatto che con il successo crescono le imitazioni in tutti i continenti, a partire dall’Europa.

Le feste di fine anno fanno registrare il massimo di domanda dello spumante in Italia e all’estero, dove finisce la maggioranza della produzione nazionale di bollicine, per la quale si stima un potenziale produttivo superiore ai 600 milioni di litri dei quali quasi 400 milioni solo di Prosecco. Sempre in tema di feste appena concluse la Coldiretti ha diffuso i dati sulla”rottamazione” degli alberi di Natale: «Circa il 10% degli alberi naturali venduti in vaso - sottolinea
la Coldiretti - sopravvive alle feste in parchi e giardini, mentre il resto viene smaltito come rifiuto organico e utilizzato per fare concime in quanto l’abete rosso non è adatto per essere bruciato nei camini, perché troppo ricco di
resina».

Dietrofront Spelacchio, resta fino a festa d'addio

Solo gli alberi più grandi, quelli da 25-30 metri, installati nelle piazze dei Comuni, vengono trasformati in matite, giocattoli, utensili o arredi urbani come nel caso di Spelacchio.

© Riproduzione riservata