Economia

La Silicon Valley a scuola di resilienza da Fiat-Chrysler

  • Abbonati
  • Accedi
storie d’impresa

La Silicon Valley a scuola di resilienza da Fiat-Chrysler

Il caso Fca, con la sua evoluzione storica dalla vecchia Fiat novecentesca all’attuale Fiat Chrysler Automobiles, suscita l’interesse della Silicon Valley. John Elkann, presidente di Fca e nipote dell'Avvocato Agnelli, è stato intervistato da Reid Hoffman, il co-fondatore di LinkedIn, nonché uno dei più principali investitori della San Francisco Bay Area, per il programma di culto – naturalmente su podcast – Master of Scale. L’elemento interessante è che - per una volta - al pubblico di investitori e imprenditori delle startup, impiegati del big tech e fondatori delle imprese ormai diventate grandi strutture che dominano la realtà americana e internazionale, non sono stati proposti temi come l’innovazione disruptive e la finanza di impresa, il rapporto con Wall Street e i grandi mutamenti sociali provocati dalle nuove tecnologie. In questo caso, il tema prescelto è stato quello della durata dell’impresa. La sua resistenza al tempo. La sua resilienza, come direbbero gli economisti. La sua capacità di trovare una nuova forma, superando l’usura del tempo, che colpisce gli organismi industriali e finanziari esattamente come accade con gli organismi naturali. La Fiat, fondata l'11 luglio 1899 a Torino, ha sperimentato la lunga durata delle grandi organizzazioni economiche. Nel 2003, è stata prossima a capitolare. Poi, si è ripresa e ha consolidato la sua ristrutturazione, fino alla internazionalizzazione definitiva garantita dalla acquisizione della Chrysler nel 2009. John Elkann, scelto dall'Avvocato Agnelli come capo famiglia, racconta in questo colloquio con Hoffman la sua maturazione e il suo apprendistato, il rapporto con Sergio Marchionne e la dimensione di azionista di un gruppo che, a differenza di molti altri, è riuscito a trovare una nuova stagione di sviluppo, mutando pelle e diventando altro rispetto alla vecchia Fiat novecentesca, la Fabbrica Italiana Automobili Torino.

© Riproduzione riservata