Impresa & Territori

Balzo dell’export in gennaio. Il made in Italy ritrova l’Europa

commercio estero

Balzo dell’export in gennaio. Il made in Italy ritrova l’Europa

Dopo un anno molto positivo per l’export italiano – il 2017 si è chiuso con un aumento del 7,4% del valore delle merci vendute oltreconfine – anche il nuovo anno si apre all’insegna dell’ottimismo, con un vero e proprio balzo delle esportazioni, che secondo le rilevazioni dell’Istat sono cresciute del 9,5%, sostenute soprattutto dall’interscambio con i Paesi dell’Unione europea.

Va precisato però che, al netto delle differenze nei giorni lavorativi (22 a gennaio 2018 contro 21 di gennaio 2017), l’aumento risulta più contenuto (+2,7%), mentre su base mensile gennaio segna un calo dell’export pari al 2,5% e addirittura del 4,4% per l’import.

Tra i settori che contribuiscono in misura più rilevante alla crescita tendenziale dell’export, l’Istat segnala il boom degli articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+25,9%), dei metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+17,1%), di sostanze e prodotti chimici (+14,4%), e dei prodotti delle altre attività manifatturiere (+13,4%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+12,8%).

Per quanto riguarda i principali mercati di sbocco, i Paesi che si rivelano più dinamici sono la Svizzera (+22%), la Spagna (+10,7%) e la Germania (+9,8%), seguiti da Regno Unito (+8,6%) e Francia (+8,4%).

A gennaio 2018, il saldo commerciale è pari a -87 milioni (-575 milioni a gennaio 2017). Al netto dell’energia, si registra un avanzo di 3 miliardi di euro.

Per quanto riguarda invece il calo di gennaio rispetto a dicembre, la diminuzione delle esportazioni va attribuita, secondo l’Istat, soprattutto al calo delle vendite di beni di consumo non durevoli (-6,3%), beni strumentali (-2,9%), beni di consumo durevoli (-4,7%) e beni intermedi (-0,5%). La flessione congiunturale degli acquisti (-4,4%) è da ascrivere alla contrazione dei beni intermedi (-5,4%), prodotti energetici (-9,3%), beni strumentali (-4,2%) e beni di consumo non durevoli (-0,8%) (Figura 1).
L'aumento tendenziale delle esportazioni nel mese di gennaio 2018 (+9,5%) risulta particolarmente rilevante per i beni intermedi (+13,0%), beni di consumo non durevoli (+12,2%) e beni di consumo durevoli (+12,1%). La crescita tendenziale delle importazioni (+7,8%) interessa tutti i raggruppamenti principali di industrie a eccezione dei prodotti energetici (-3,7%).

© Riproduzione riservata