Impresa & Territori

Hitachi Rail investe e assume in Calabria. Ecco dove nascono i treni del…

  • Abbonati
  • Accedi
industria 4.0

Hitachi Rail investe e assume in Calabria. Ecco dove nascono i treni del futuro

La Calabria si lancia nel futuro dell’industria 4.0 con Hitachi: la divisione “Rail Italy”del gruppo giapponese ha firmato un accordo con il ministero dello Sviluppo economico e la Regione per potenziare lo stabilimento di Reggio Calabria, che sarà ampliato per la produzione e l’assemblaggio di nuovi convogli ferroviari destinati al mercato europeo e statunitense. Previste da subito 50 nuove assunzioni. Un programma di sviluppo industriale che oltre agli investimenti produttivi, prevede un progetto di ricerca e sviluppo che guarda a tutto il territorio nazionale.

Valore complessivo dell’operazione, 16 milioni di euro, con cui tra l’altro sarà possibile ampliare le sale prove dei veicoli e installare nuovi robot per incrementare i livelli qualitativi dei processi speciali. L’obiettivo è «incrementare la capacità produttiva, innovare le tecnologie industriali e implementare il processo di trasformazione digitale», come specifica il Ministero. «Hitachi punta, infatti, alla creazione dei treni del futuro, suburbani per il mercato europeo, tram e metropolitane per il mercato americano, prodotti in fabbriche digitali 4.0».
È suo il Frecciarossa 1000, ma anche le metropolitane driverless per le città di Milano (linea 5), Roma, Taipei, Riyadh, Copenaghen, Honolulu, Salonicco e Lima; le tradizionali metro con conducente per Milano, Fortaleza, Miami e nel prossimo futuro anche quella per Baltimora. Nelle fabbriche italiane dell’azienda sono attualmente in costruzione i nuovi treni regionali doppiopiano Rock per Trenitalia. Hitachi Rail Italy impiega circa 2mila dipendenti, suddivisi fra gli stabilimenti di Napoli, Pistoia e Reggio Calabria, come riportato in un recente articolo del Sole24ore.

Per il ministro Carlo Calenda «l’Accordo di sviluppo firmato è un importante passo per alimentare un processo virtuoso di attrazione degli investimenti e il consolidamento di realtà già esistenti in Calabria. Uno stimolo per la produttività, il capitale umano e le infrastrutture, che rappresenta una leva importante per la modernizzazione del tessuto industriale dei territori».
Secondo il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio «la firma dell’accordo costituisce un punto centrale della nuova politica industriale della Calabria. Mette in sicurezza l’occupazione esistente e permette da subito di aumentare gli addetti a tempo indeterminato». Francesco Russo, vicepresidente della giunta e assessore regionale alla logistica e al sistema portuale, ritiene che «questo accordo sia la dimostrazione che impianti come quello di HItachi abbiano futuro e prospettive in Calabria».

© Riproduzione riservata