Impresa & Territori

Imprese in campo per Telethon

  • Abbonati
  • Accedi
SOLIDARIETà

Imprese in campo per Telethon

Due giorni e 1600 piazze d’Italia e i «Cuori di biscotto» per sostenere la ricerca e la lotta alle malattie rare. Pasticceria, solidarietà e ricerca scientifica. L’appuntamento denominato «io per lei» è per oggi e domani, campagna di primavera di Fondazione Telethon e Unione italiana lotta alla distrofia muscolare (Uildm) per supportare la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare e l’assistenza alle persone che vivono con una malattia neuromuscolare. Un’iniziativa promossa da Fondazione Telethon cui partecipano anche i volontari dell’Unione italiana lotta alla distrofia muscolare, Avis, Anffas e Unpli. Protagoniste le «mamme rare». Ossia «una volontaria, una donatrice, una ricercatrice e una donna con una patologia neuromuscolare, che, insieme, si fanno portavoce dell’impegno di tutte le mamme che affrontano ogni giorno le difficoltà delle malattie genetiche rare dei loro bambini». La rete di solidarietà messa in campo da Fondazione Telethon e Uildm dà appuntamento in oltre 1.600 piazze in tutta Italia, e prevede, con una donazione minima di 12 euro, la distribuzione dei cuori di biscotto prodotti dalla storica pasticceria genovese Grondona, un’azienda familiare che da più di cento anni propone specialità di pasticceria e biscotti della tradizione ligure. «Il nostro obiettivo è da un lato trovare cure e terapie e dall’altro provare a dare risposte concrete anche nel caso di alcune malattie genetiche rare che a oggi non hanno neanche un nome – dice Francesca Pasinelli, direttore generale di Fondazione Telethon –. Negli ultimi 28 anni la Fondazione ha raggiunto notevoli risultati grazie a chi, attraverso le donazioni, sostiene i nostri ricercatori contribuendo in maniera importante al progresso della ricerca scientifica, non solo nell’ambito malattie genetiche rare, ma anche alla scoperta di meccanismi biologici alla base di patologie più diffuse».

Dello stesso avviso anche Marco Rasconi, presidente nazionale di Unione italiana lotta alla distrofia muscolare (Uildm). «Uno dei principali obiettivi di Uildm è da sempre promuovere e favorire la ricerca, che ha avuto un grande impulso nel 1990, quando è stata portata in Italia la prima maratona televisiva Telethon. In quasi 30 anni di collaborazione abbiamo raggiunto importanti traguardi per aiutare le persone con malattie neuromuscolari ad affrontare le difficoltà imposte dalla malattia e per dare loro una speranza di cura grazie alla ricerca scientifica». Alla rete di solidarietà partecipa Bnl Gruppo Bnp Paribas, mettendo a disposizione già da marzo tutte le agenzie sul territorio per distribuire ai propri clienti i cuori di biscotto e sostenere la ricerca sulle malattie genetiche rare.

«Grazie alla partnership con Auchan retail Italia, fino domenica prossima – argomentano i promotori -, i clienti dei punti vendita Auchan, Simply e Lillapois potranno sostenere la ricerca scientifica con una donazione di 1 euro alle casse e ricevere una confezione di Cuoricini di biscotto da 20 grammi». Prodotti disponibili anche per i passeggeri dei voli Neos e sui treni delle principali tratte di Ntv. Per conoscere il punto di raccolta più vicino basta visitare il sito www.telethon.it.

© Riproduzione riservata