Impresa & Territori

“Avengers: Infinity War”, la macchina da soldi perfetta del…

  • Abbonati
  • Accedi
botteghino

“Avengers: Infinity War”, la macchina da soldi perfetta del cinema globale

In sole due settimane di programmazione nelle sale in Italia, è già al terzo posto nella classifica del box office “stagionale”: quella che parte da agosto. Incassi per 14,7 milioni di euro per “Avengers: Infinity War”, poco sotto i 15 milioni di “Star Wars: gli ultimi Jedi”, sempre della Disney e sotto i 18 milioni di “Cattivissimo me 3” della Universal. Ma questo solo in Italia e considerando la classifica Cinetel da agosto. Perché invece guardando a quella settimanale, solo per la prima settimana la terza puntata della saga degli Avengers (per i supereroi Marvel dal 2008 i film usciti in sala diventano ora 19) ha fatto il vuoto con quasi 10 milioni di euro incassi. E anche considerando l’anno solare Avengers è al momento prima in classifica.

Come detto, questa è la situazione se si parla dell’Italia in cui, volendo guardare alla storia dei boom al botteghino, a farla da padrone è ancora oggi Checco Zalone con il suo “Quo vado” (Medusa) e i suoi 7 milioni di incassi nel primo giorno in sala. Per il terzo film degli Avengers il debutto al botteghino è valso 3 milioni. Ma Disney non può che gongolare per i risultati del fumettone Marvel che con questo fine settimana supererà la soglia del miliardo di incassi al box office mondiale. E questo in soli 11 giorni dalla sua release.

“Avengers: Infinity War” diventa così il film più veloce ad aver tagliato questo traguardo infrangendo il precedente record detenuto da “Star Wars - Il Risveglio della Forza” che, nel 2015, ci aveva impiegato 12 giorni. Sono 34 le pellicole che hanno raggiunto quota un miliardo al botteghino e “Avengers: Infinity War” è il diciassettesimo titolo in casa Disney e il sesto per i Marvel Studios, passati sotto le insegne della casa di Topolino ormai quasi una decade fa, nel 2009.

Insomma una cavalcata al box office quando all’appello manca ancora la Cina, secondo mercato al mondo (sbarcherà nelle sale cinesi l’ 11 maggio), per questo kolossal diretto dai fratelli Russo si è riunito un cast stellare: da Robert Downey Jr. a Chris Evans, da Scarlett Johansson a Gwyneth Paltrow. Non solo. Da Iron man, a Thor, a Capitan America fino alle new entry come Black Panther e Spider-Man, il film ospita ogni supereroe del cosiddetto “Marvel Cinematic Universe” (Mcu).

Non è stata, come è immaginabile, un’operazione a buon mercato. Con un budget di circa 300 milioni di dollari “Avengers: Infinity War” si posiziona al secondo posto fra i film più costosi di sempre (dopo “I Pirati dei Caraibi” e in realtà anche dopo la trilogia di “The Hobbit” se si guarda alle spese cumulate). Dall’altra parte è anche vero che la Walt Disney non ha di che lamentarsi dei ritorni assicurati dai supereroi Marvel come dimostra la fatturazione di 15 miliardi di dollari derivanti dal Marvel Cinematic Universe (con l’esclusione, appunto, dell’ultimo capitolo degli Avengers).

A questo punto sembra evidente che “Avengers: Infinity war” non incontrerà particolari ostacoli al botteghino almeno fino all’uscita di “Deadpool 2” della 20th Century Fox. Gli amanti delle curiosità potrebbero vedere in questa alternanza una nota da sottolineare visto il takeover, da parte di Walt Disney, sulla quasi totalità dell’universo 21st Century Fox (fra cui gli studios della 20th Century Fox). Al momento però nulla è da dare per scontato, ancora di più dopo l’ingresso sulla scena del colosso media Usa Comcast che ha presentato un’offerta da oltre 31 miliardi di dollari per Sky (per il 39% posseduta dalla 21st Century Fox di Rupert Murdoch).

Di certo il successo della Marvel un impatto lo sta avendo sulla stessa industry hollywoodiana dove, dalla DC Comics della Warner Bros alla serie “Transformers” della Paramount Pictures, ci si sta posizionando su registri narrativi e strategie di marketing di un certo tipo. Per ora Disney si gode i suoi 3 miliardi di dollari di incassi già raggiunti nell’anno solare, anche grazie all’uscita di “Black Panther”. E il 2018 appare in qualche modo in discesa, con la previsione in cartellone dell’atteso “Mary Poppins Returns”; di “Solo: A Star Wars Story”, spin-off della saga di George Lucas e de “Gli Incredibili 2”. Per il quarto degli Avengers, invece, appuntamento al 2019.

© Riproduzione riservata