Impresa & Territori

Ortofrutta, per risparmiare 2 cent sul sacchetto si spende il 43% in…

  • Abbonati
  • Accedi
IL PARADOSSO

Ortofrutta, per risparmiare 2 cent sul sacchetto si spende il 43% in più

È «effetto sacchetto» nella grande distribuzione. A parlarne è Ismea che ha rilevato come l’introduzione appena pochi mesi fa dei sacchetti biodegradabili nei reparti ortofrutta dei supermercati italiani ha già prodotto risultati tangibili con il sensibile arretramento degli acquisti di ortofrutta sfusa, quella cioè che dovrebbe necessariamente utilizzare i nuovi sacchetti (a meno che non si voglia pesare e prezzare ogni singolo frutto acquistato) e cresce quella invece di prodotti ortofrutticoli confezionati, ovvero preincartati.

Nel dettaglio, secondo i dati Ismea, nel primo trimestre del 2018 le vendite di ortofrutta sfusa sono calate del 3,5% in quantità e di ben il 7,8% in valore.

Parallelamente si è registrata una vera e propria impennata degli acquisti di ortofrutta fresca ma confezionata che infatti nei primi tre mesi dell’anno sono cresciuti dell’11% in quantità e del 6,5% in valore.

«Si tratta - sottolinea l'Ismea - di numeri che evidenziano come la reazione dei consumatori – anche a seguito del tam tam sui social network – abbia impresso un'accelerazione a un processo di sostituzione di per sé già in atto. Il peso degli ortofrutticoli confezionati sulle vendite del comparto è salito oggi infatti al 32% contro il 29% del primo trimestre 2017, nonostante, a parità di prodotto, i confezionati costino mediamente il 43% in più degli sfusi».

Di fatto si tratta solo dell’ultima follia da battage dei social network. Anche perché dati alla mano le cifre di Ismea evidenziano un fenomeno quantomeno paradossale. I consumatori in sostanza pur di risparmiare 2 cent (il prezzo che mediamente è richiesto dalle catene distributive per utilizzare i nuovi sacchetti biodegradabili) preferiscono acquistare ortofrutta confezionata che in media costa il 43% in più.

Ismea nella propria indagine parla in genere di un effetto sostituzione nell’ambito di un trend complessivamente positivo per i consumi di ortofrutta. «Nei primi tre mesi del 2018 - spiegano a Imea - i consumi dei prodotti ortofrutticoli freschi e confezionati sono cresciuti di quasi l’1% su base annua. L'aumento ha riguardato essenzialmente gli ortaggi (+6%), le patate (+3%), la IV gamma (+3%) e gli agrumi (+6%), mentre il resto della frutta ha registrato un calo del 10% circa. La spesa delle famiglie, invece, ha registrato una riduzione del 2,5% per effetto del calo dei prezzi medi di tutte le principali categorie».

© Riproduzione riservata