Economia

L’export spinge il polo di Catania

  • Abbonati
  • Accedi
Farmaceutica

L’export spinge il polo di Catania


Piccolo, se vogliamo dire così, ma dinamico, che cresce e punta a crescere. È il polo farmaceutico di Catania che ha due capisaldi: Sifi e Pfizer, un totale di un migliaio di addetti diretti che arrivano a cui si aggiungono i 2.500 nell'indotto e altri 9.000 nella distribuzione, intermedia e finale. Un esempio di quello che è la farmaceutica nel nostro Paese per Farmindustria che ha organizzato proprio qui, all'ombra dell'Etna, una tappa del viaggio in Italia sul tema “Innovazione e produzione di valore-L'industria del farmaco: un patrimonio che l'Italia non può perdere”.

Ma c’è un dato che, sottolineano da Farmindustria, va sottolineato: l'aumento del 69% dell'export farmaceutico regionale tra il 2010 e il 2017, a fronte di una diminuzione del 2% degli altri settori manifatturieri. Un pezzo di un dato complessivo in un settore con 200 aziende, 65mila addetti, 6mila ricercatori, 31 miliardi di euro di produzione di cui oltre il 75% destinato all'export (25 miliardi), 2,8 miliardi di investimenti nel 2017. «Lo rivendico con orgoglio: dice il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi - siamo Big Pharma, nel suo significato migliore. Siamo al secondo posto, in Europa a un'incollatura dalla Germania, per valore assoluto della produzione. Ma siamo già al primo per produzione procapite. Senza dimenticare il segno + dell'occupazione: dal 2013 è aumentata di 3mila unità (+5%), grazie all'inserimento di oltre 6mila nuovi addetti all'anno, per metà sotto i 30 anni, a dimostrazione che le aziende scommettono sui giovani perché sono il futuro».
Modelli di crescita che è possibile rintracciare qui a Catania. Si prenda Sifi, principale società farmaceutica oftalmica italiana, con 370 dipendenti, il 60% della produzione destinato all'export, un fatturato nel 2017 di 70 milioni: «Nel primo trimestre di quest’anno - dice Fabrizio Chines, presidente e amministratore delegato dell'azienda - abbiamo già registrato una crescita del 30% del fatturato rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso». La previsione è di chiudere il 2018 con una crescita a due cifre, grazie alla presenza strutturata sui mercati esteri: in questa strategia si iscrive l'apertura di un ufficio commerciale a Parigi avvenuta recentemente.

Su Pfizer c'è da ricordare che il sito di Catania è specializzato nella produzione di farmaci iniettabili sterili ed è la base di partenza di almeno cento prodotti di Pfizer Italia diretti in tutto il mondo: «Un polo di assoluta eccellenza» sottolinea l'amministratore delegato di Pfizer Italia Massimo Giorgio Visentin. Un polo da 650 dipendenti «di cui 120 assunti recentemente» dice il direttore di stabilimento Giuseppe Campobasso. Uno stabilimento, quello etneo, soggetto a un piano di investimenti biennale da 40 milioni che si chiude nel 2018 e che si trova nel cuore di un'area industriale che necessita ancora di investimenti in manutenzione: «Vogliamo capire perché gli enti si ricordano delle imprese solo al momento di incassare le imposte e se ne dimenticano dopo - dice il presidente di Sicindustria Giuseppe Catanzaro presente all'incontro -. Basta vedere le condizioni delle strade dell'area industriale». Catanzaro insiste anche su un altro tema: «Sottrarre alla discrezionalità amministrativa scelte che incidono sulle strategie e ovviamente sui conti delle imprese. Cambiare in corso le regole non aiuta nessuno» dice.
La farmaceutica merita altre attenzioni è il messaggio che arriva da Catania. Farmindustria incassa le attenzioni dell’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza che certo poco può sul tema dei tetti alla spesa. «La Sicilia - dice Razza - può dare una mano nel settore della ricerca». A proposito di ricerca, continua la protesta degli 80 ricercatori della Myrmex , «che hanno reso grande il laboratorio, rimasti senza lavoro e senza ammortizzatori sociali» ricorda il sindacato. «Noi potevamo chiudere - dice l’amministratore delegato di Pfizer - abbiamo a suo tempo venduto l'azienda per salvare i posti di lavoro». 

© Riproduzione riservata