Economia

Woolrich entra nei radar di fondi e società di investimento

  • Abbonati
  • Accedi
ABBIGLIAMENTO

Woolrich entra nei radar di fondi e società di investimento

Woolrich, storico marchio di abbigliamento, entra nel radar di fondi e società d'investimento. L'obiettivo sarebbe siglare una partnership azionaria. Al momento ci sarebbero colloqui solo informali. Secondo indiscrezioni, riportate da Mergermarket, si sarebbe fatta avanti la Tip del banchiere Gianni Tamburi che per strategia investe, anche in minoranza, su aziende del made in Italy: da Eataly a Furla fino alla recente crescita nel capitale di Alpitour. Ma anche altri soggetti, manager e gruppi sarebbero in corsa. Nella partita secondo i rumors ci sarebbe anche qualche fondo di private equity. La valutazione del gruppo sarebbe tra 250 e 300 milioni di euro.

Woolrich ha origini americane: il brand è stato lanciato in America nel 1830 dall'inglese John Rich per vestire il personale alla lavorazione del legname che vivevano nel freddo fra i boschi della Pennsylvania. Ma oggi è una società con ponte gestione italiana. La linea di abbigliamento è infatti stata importata in Italia negli anni 80 dalla manager Cristina Calori, presidente della società WP Lavori in Corso, che attraverso la società Woolrich International ha acquisito il controllo.

La società nasce quindi dalla fusione di Woolrich Inc. e Woolrich Europe, che fa appunto capo alla bolognese WP Lavori in corso, che controlla la compagine con una quota di maggioranza dell'80 per cento.C’è inoltre da dire che lo scorso anno si è conclusa l'alleanza finanziaria e strategica con la giapponese Goldwin Inc, entrata con una quota di minoranza nel capitale sociale.

Woolrich ha 34 punti vendita nel mondo, di cui 3 in Italia. Da qui al 2020 l'azienda punta a 266 milioni di fatturato, con una crescita media annua del 12%. Tra gli obiettivi futuri c’è anche lo sbarco in Borsa. Negli ultimi anni l'azienda ha dovuto investire parecchio per conquistare nuovi mercati: in particolare, la politica di espansione nel retail ha visto nel 2017 l'apertura di altri 9 punti vendita.

© Riproduzione riservata