Impresa & Territori

Rivoluzione 4.0 in Ferretto Group, l’azienda converte la sede e…

  • Abbonati
  • Accedi
Meccanica

Rivoluzione 4.0 in Ferretto Group, l’azienda converte la sede e internazionalizza in Bosnia

È prevista per settembre l’inaugurazione del nuovo stabilimento che Ferretto Group, azienda vicentina specializzata nella produzione di sistemi integrati per magazzini, scaffalature metalliche, strutture automatiche e verticali, sta costruendo in Bosnia Erzegovina. Si tratta di una struttura di 20mila metri quadri, non ancora completata ma già operativa - sono al lavoro 100 dipendenti - frutto di un investimento di 8 milioni di euro, che aumenteranno nel corso del tempo, visto che nei prossimi anni sono in programma nuovi investimenti con la possibilità di un ulteriore ampliamento per raggiungere i 50mila metri quadri e i 200 dipendenti.

Il nuovo stabilimento in Bosnia è solo uno dei tasselli che compongono la crescita costante e vitale di Ferretto Group registrata in questi ultimi anni. Sessant’anni di attività, Ferretto ha effettuato un percorso di crescita che l’ha portata a raddoppiare il valore della produzione dai 43 milioni del 2012 - anno in cui il gruppo ha assunto un nuovo assetto societario - agli 84 del 2017, dato che fa segnare una crescita negli ultimi sei anni del 93%, mentre il dato relativo al turnover aggregato con le compartecipate estere porta i ricavi a 96 milioni.

Parallelamente alla costruzione di un nuovo stabilimento estero, quello bosniaco, che affianca le presenze internazionali di Cina (dove c’è un ufficio tecnico commerciale) e India (dove si trova uno stabilimento produttivo), Ferretto Group sta lavorando alla riconversione della storica sede vicentina in centro di automazione. «A Vicenza è già in atto un processo di riconversione attraverso importanti investimenti in macchinari - spiega il vicepresidente Riccardo Ferretto - . La sede storica diventerà il quartier generale della ricerca e sviluppo, un centro per l’innovazione all’avanguardia, con maggior spinta sull’automazione».

Il progetto prevede che, con il passaggio in Bosnia della produzione di scaffalature in metallo, per la quale verranno gradualmente trasferiti i macchinari attualmente a Vicenza, nella sede veneta ci si concentri su linee produttive altamente automatizzate, dotate di software in grado di monitorare tutto lo stato di avanzamento della produzione. Per la trasformazione della sede di Vicenza sono già stati spesi 2 milioni di euro per la realizzazione di una linea produttiva di componenti, ora assenti nella produzione di Ferretto, che vanno a completare la filiera in ottica 4.0. Per il 2018 sono previsti in totale più di 3 milioni di euro di investimenti, anche in nuove linee di saldatura, e l'assunzione di 33 nuove figure, che andranno, a fine anno, a portare il numero dei dipendenti dagli attuali 230 a 263 (nel mondo gli addetti sono 430). Ma nuove assunzioni sono previste anche nel 2019 e nel 2020.

© Riproduzione riservata