Economia

Ecosostenibile e «smart»: la nuova sede di Prelios firmata da…

  • Abbonati
  • Accedi
la milano che verrà

Ecosostenibile e «smart»: la nuova sede di Prelios firmata da Benini

Milano aggiunge un tassello alla lunga serie di edifici avveniristici che ne stanno cambiando il volto. Questa volta non si tratta di un grattacielo, ma di un palazzo di “soli” sette piani – distribuiti su due corpi uniti da ponti in vetro – la cui forma ricorda quella di una vela. Il progetto è dell’archittetto milanese Dante O.Benini e dai primi di maggio il building ospita gli oltre 300 dipendenti di Prelios, gruppo specializzato nell’alternative asset management e nei servizi immobiliari specialistici.

Ma le postazioni – pensate come tutta la struttura in una logica di smart working – sono 400, sia perché il gruppo (dopo qualche periodo di difficoltà) è in crescita e prevede ulteriori assunzioni, sia perché le tante attività dell’azienda necessitano la presenza di numerosi consulenti e figure professionali ad hoc nei singoli progetti da sviluppare. Di qui appunto l’idea di una sede riprogettata in ottica smart working, in collaborazione con strutture di consulenza spin off del Politecnico di Milano. In circa 6mila metri quadrati di superficie (e 20mila metri cubi di volume) oltre alle 400 postazioni di lavoro si trovano 140 posti in sale riunioni, meeting room informali, phoone boots, sale riunioni formali.

L’edificio – dalle linee minimal e contemporanee – si trova in via Valtellin, nel quartiere Isola a Nord di porta Nuova, una delle aree di Milano maggiormente interessate dagli innovativi sviluppi immobiliari degli ultimi anni.

Oltre che “smart”, l’edificio è anche progettato secondo criteri di ecosostenibilità: tra le strategie energetiche adottate nel progetto di rifacimento interno del nuovo headquarter si segnala un sistema di regolazione delle temperature interfacciato con BMS (Building Management System) e sensori sulle facciate vetrate. L’edificio è caratterizzato anche dal “muro climatico”, costituito da una pelle esterna e una interna, con la superficie esterna microforata che permette la visione verso l'esterno. Il sistema di illuminazione artificiale è di tipo dinamico, volto a ottenere elevati livelli di rendimento energetico.

© Riproduzione riservata