Economia

Con il Bocuse d’Or Torino e Alba capitali europee dell’alta…

  • Abbonati
  • Accedi
turismo

Con il Bocuse d’Or Torino e Alba capitali europee dell’alta gastronomia

Torino capitale europea dell’alta gastronomia con le selezioni continentali per il concorso Bocuse d’Or e il Mondiale della pasticceria. Una opportunit di visibilit eccezionale per Torino, dove in questi giorni si stanno svolgendo le finali e per Alba e tutto il territorio delle Langhe, in quanto sedi di attivit preparatorie e di numerosi eventi. La Coppa del Mondo di Pasticceria e
le selezioni europee del Bocuse d'Or, fino al 12 giugno, a Torino sono ospitate da Gourmet Expoforum, il salone biennale professionale per gli operatori del settore Horeca e food & beverage, con 220 espositori e 80 incontri formativi,
organizzato da Lingotto Fiere. Il salone articolato in due sezioni: lo spazio expo presenta le novit di tecnologie, macchinari, attrezzature, arredi e servizi, prodotti di ristorazione, bevande, vino, liquori, caff, t e infusi, pasticceria e gelateria. In parallelo, c' il programma forum, un palinsesto di oltre 80
appuntamenti formativi. A coordinare le sessioni sulla ristorazione l'Accademia Bocuse d'Or Italia con direttore lo chef Luciano Tona. Altri incontri sono curati da Metro e Slow Food. Un'intera aula didattica curata dall'Associazione Pice destinata al mondo dolciario, i barman
Fib organizzano dimostrazioni di mixology; Sca Italy gestisce
l'aria l'area caff, Fipe quella dedicata ai pubblici esercizi. I primi risultati delle competizioni: Gabriel Paillasson, creatore del concorso, ha annunciato che Martin Morand e Jessica Sandberg dalla Svezia hanno vinto l'ambito trofeo e difenderanno i propri colori durante la Finale mondiale di Lione (Francia) nel 2019. Gli chef presentato delle creazioni sul tema Madre natura.
La regione Puglia stata protagonista ieri, 8 giugno 2018, a Roddi e ad Alba, di un evento che ha presentato a giornalisti, istituzioni e al pubblico di Langhe e Roero le sue eccellenze enogastronomiche. La Puglia in Piemonte stato il tema dell’incontro nella cucina della Scuola Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba, al Castello di Roddi. Quattro chef, due pugliesi trapiantati in Piemonte, Pasquale Laera de Il Boscareto resort (La Rei) e Damiano Nigro del relais Villa D'Amelia (Ristorante Gourmet Damiano Nigro), e due piemontesi doc, Michelangelo Mammoliti de La Madernassa e Gabriele Boffa del Relais Sant'Uffizio, hanno interpretato la Puglia a tavola, con uno show cooking con la partecipazione di produttori tipici . Per il Bocuse d'Or, 20 team delle nazionali d'Europa si contenderanno la qualificazione per la finale mondiale, in programma a Lione a gennaio 2019. La giuria, composta da 14 grandi chef, sar presieduta dal cuoco ungherese Tams Szll, vincitore della selezione europea di Budapest nel 2016 e quarto all'ultima finale mondiale del Bocuse d'Or a Lione nel 2017, dallo chef italiano Carlo Cracco, allievo del maestro Gualtiero Marchesi e Presidente d'Onore, insieme a Jrme Bocuse, Presidente del Bocuse d'Or e figlio del fondatore e Enrico Crippa, Presidente del Bocuse d'Or Europe 2018. Torino e il Piemonte sono mobilitati con una nutrita serie di iniziative sul territorio che coinvolgono ristoranti (come, tra gli altri, il Piano35 del grattacielo IntesaSanpaolo) e musei (tra gli altri Palazzo Carignano, Mao e Castello Rivoli). Insomma ampie le ricadute economiche sul terrtorio della kermesse che incoroner lo sfidante europeo al campionato mondiale tra chef a Lione il prossimo anno.

© Riproduzione riservata