Management

Quando parlate di voi stessi raccontate una storia indimenticabile

colloquio di lavoro

Quando parlate di voi stessi raccontate una storia indimenticabile

«Il colloquio di lavoro è un dialogo che spesso viaggia sempre sullo stesso canovaccio, sulle stesse frasi fatte, sugli stessi schemi. Per distinguerci possiamo quindi caricare i nostri racconti di una connotazione più suggestiva ed emozionante. Ecco quindi i consigli dell’esperto di orientamento Lorenzo Cavalieri nella terza Pillola video della serie dedicata al colloquio di selezione, online sul canale lavoro Job24.

«Quando parliamo di noi, in fin dei conti stiamo raccontando una storia. Può annoiare o può eccitare, può essere dimenticata in fretta. Oppure può diventare indimenticabile», continua Cavalieri. Il suggerimento, quindi, è di prepararsi un piccolo ma significativo episodio concreto per ogni esperienza professionale. Il racconto deve essere ricco di dettagli, proprio come se stessimo scrivendo un romanzo o la sceneggiatura di un film.

«Parliamo al selezionatore di un episodio significativo, emozionante, la storia di un sacrificio o di una decisione drammatica, o di un atto coraggioso. Non deve necessariamente essere una vicenda che si è conclusa con un trionfo. Anche un piccolo fallimento personale, paradossalmente, può rivelare cose importanti sulla nostra personalità. Ma soprattutto non dobbiamo inventare niente. «Abbiamo nella nostra esperienza mille episodi significativi. Scegliamone uno in cui il nostro interlocutore possa identificarsi , essere più coinvolto ed apprezzarci di più».

(R.San.)

Per saperne guarda il video: Pillole di carriera - Il colloquio di lavoro (3) : lo storytelling professionale e come renderlo memorabile - Lorenzo Cavalieri, consulente Hr

© Riproduzione riservata