Management

Il segreto di un buon colloquio è anticipare le risposte

carriere

Il segreto di un buon colloquio è anticipare le risposte

«Perché dovremmo scegliere proprio lei? » Nella fase finale di un colloquio spesso ci viene posta questa domanda. Sicuramente, quindi, dobbiamo preparare una risposta efficace. «Ma saremo ancora più efficaci se saremo noi, prima che ce lo chiedano, ad anticipare la risposta», suggerisce Lorenzo Cavalieri nell'ultima Pillola video della serie dedicata al colloquio di selezione, online sul canale lavoro Job24.

Attenzione però: se non ci prepariamo bene finiremo con il rispondere in modo retorico e prolisso. Dobbiamo invece replicare in modo essenziale con un piccolo slogan. «Si tratta di una sorta di appello finale - spiega Cavalieri -. Gli americani direbbero che si tratta di una call to action, un invito all’azione, un invito a sceglierci in questo caso. Questo slogan deve essere fatto di tre punti: credo di rappresentare per voi un’ottima opportunità per tre motivi: e poi tre aggettivi secchi, oppure tre tipologie di competenza o tre punti di forza.

C’è anche una variante più originale e d’effetto, ma anche più rischiosa da gestire, quindi non adatta a tutti i candidati, ma solo ai più sicuri di sé, e se vi sembra che l'andamento generale del colloquio e l’atteggiamento del selezionatore lo consentano: «Prima dite un vostro vero punto di debolezza. E poi tre punti di forza. Per esempio: Non sceglietemi se cercate una persona creativa. Sceglietemi invece se cercate una persona disciplinata, pragmatica, determinata», conclude l’esperto.

(R.San.)

Per vedere il video clicca qui: - Il colloquio di lavoro, finale di partita: sintetizzare il valore professionale in una frase

© Riproduzione riservata