Management

Professionisti del digitale, la richiesta cresce a doppia cifra

OSSERVATORIO INFOJOBS

Professionisti del digitale, la richiesta cresce a doppia cifra

Consulenti manageriali in cima alla classifica dei profili più richiesti, specialisti nel campo dell'Information e communications technology subito a ruota: i dati sul mercato del lavoro che emergono dall’Osservatorio InfoJobs (una delle principali piattaforme online di recruitment attive in Italia, di proprietà della multinazionale norvegese Schibsted Media Group, cui fanno capo anche i portali Subito e Pagomeno) relativamente al primo semestre del 2017 confermano una tendenza per altro ben nota. Quale? La domanda di profili con competenze digitali continua a essere consistente, cresce a ritmi molto veloci (il numero di offerte per queste posizioni, tra gennaio e giugno di quest’anno, è salito del 21,1%) e diventano una voce sempre più consistente (oltre il 16%, dietro il 27% della consulenza) sul totale degli annunci inseriti. Nel computo generale, invece, le posizioni di lavoro offerte sono aumentate nel periodo considerato del 16,4% rispetto al 2016 e la categoria con più richieste (il 20,2% del totale) risulta essere quella che comprende manifatturiero, produzione e qualità).

«I primi sei mesi dell’anno – ha commentato in proposito Melany Libraro, Ceo di Schibsted Italy - hanno confermato i buoni risultati dello scorso anno sul fronte delle offerte di lavoro, testimoniando la dinamicità e lo sviluppo del mercato italiano e i segnali positivi già segnalati negli scorsi anni. Il settore legato alle professioni dell’innovazione digitale, in particolare continua ad essere fra i più richiesti, a ulteriore conferma della necessità di profili in grado di apportare valore aggiunto e permettere alle aziende di emergere in un panorama competitivo sempre più affollato e sfidante».

Ma quali sono, più nel dettaglio, le figure più appetite dalle aziende che operano nel mondo delle nuove tecnologie? Stando all’Osservatorio, quelle che appartengono alla categoria informatica e telecomunicazioni sono indubbiamente (e logicamente) le più ricercate, rappresentando circa il 71% delle offerte totali; raddoppiano invece il numero di posizioni aperte rispetto al primo semestre dello scorso anno le funzioni di amministrazione e contabilità (che salgono all’8,1%) e quelle relative ad arti grafiche e design (con il 3,7%). A chiudere la «top five» delle professioni più gettonate vi sono i professionisti del mondo marketing e comunicazione (3,6%) e delle vendite (2,6%).

Analizzando le caratteristiche del candidato tipo in campo digitale, si scopre che il 43% dei professionisti che cerca lavoro in questo settore ha tra i 36 e i 45 anni (il 36% appartiene alla fascia tra i 26 e i 35 anni e il 14% ha tra 46 e 55 anni) mentre un’identica percentuale di candidati (il 44%) è in possesso di una laurea o di un diploma di maturità. Prendendo in considerazione la carriera lavorativa precedente, il 28% conferma di avere tra 5 e 10 anni di impiego e solo il 22% vanta un’esperienza di oltre 10 anni.

Se guardiamo la dinamica di domanda da un punto di vista geografico, infine, la Lombardia si conferma la Regione capofila a livello nazionale sia per numero complessivo di offerte di lavoro attive (il 33% del totale) sia, soprattutto, per quanto riguarda la richiesta di professionisti Ict, concentrando poco meno del 58% della domanda. Nell’area delle professioni orientate al digitale salgono sul podio il Lazio (17,3%) e il Piemonte (6,1%), seguite da Veneto (5,5%) ed Emilia-Romagna (3,8%).

© Riproduzione riservata