Moda24

Borse: i brand Gum e Gianni Chiarini a 21 Investimenti

m&A

Borse: i brand Gum e Gianni Chiarini a 21 Investimenti

A sinistra la Gum Bag color argento con tracolla; a destra il modello Helena, in cuoio, del marchio Gianni Chiarini
A sinistra la Gum Bag color argento con tracolla; a destra il modello Helena, in cuoio, del marchio Gianni Chiarini

Far crescere a livello internazionale una promettente realtà made in Italy. È con questo obiettivo che 21 Investimenti, gruppo fondato e guidato da Alessandro Benetton, ha acquisito la maggioranza di Contemporary Bags, società a cui fa capo il Gruppo Gianni Chiarini.

Alla realtà fiorentina, che è nata alla fine degli anni novanta e ha chiuso il 2016 con ricavi per circa 35 milioni di euro, per il 60% realizzati sui mercati stranieri, fanno attualmente capo due marchi: Gianni Chiarini, brand di borse e accessori che è stato oggetto di un progressivo restyling, e Gum Gianni Chiarini Design, etichetta contemporary e più accessibile è stata lanciata nel 2013 e ha registrato uno sviluppo significativo.

«Il Gruppo Gianni Chiarini - ha detto Alessandro Benetton - ha tutte le caratteristiche che 21 Investimenti cerca quando seleziona un progetto in cui investire. Incarna, infatti, tutti i valori tipici del made in Italy: attenzione al design e alla qualità, produzione di eccellenza, propensione ai gusti e i bisogni del cliente. E ha un grandissimo potenziale di crescita che può portare a uno sviluppo internazionale davvero importante».

L’operazione, di cui non è stato reso noto il valore, è stata condotta attraverso il fondo “21 Investimenti III” e punta far crescere considerevolmente il fatturato dell’azienda fiorentina, attraverso il consolidamento nei mercati già presidiati, l’apertura di nuove piazze, la creazione di una rete di punti vendita monomarca – attualmente i flagship sono due: Gianni Chiarini a Firenze e Gum a Milano – e una nuova strategia di marketing che, senza prescindere dai valori dell’azienda fiorentina la porterà nel futuro.

«Sono entusiasta di iniziare una nuova fase di crescita – ha detto Gianni Chiarini, fondatore – assieme a un partner prestigioso con il quale ho condiviso un progetto che vuole portare l’azienda a un’accelerazione nello sviluppo e al rafforzamento del brand, anche a beneficio delle persone che lavorano con passione assieme a me da tanto tempo». Chiarini rimarrà socio minoritario e continuerà a svolgere un ruolo attivo in azienda. La carica di amministratore delegato andrà invece a Cristina Cortesi, manager con alle spalle ruoli dirigenziali in Furla e Bulgari Accessories.

© Riproduzione riservata