Moda24

Fondazione Armani «essenziale e moderna» per sviluppare…

lo statuto

Fondazione Armani «essenziale e moderna» per sviluppare l’azienda

(Reuters)
(Reuters)

Sono Giorgio Armani, Pantaleo Dell'Orco, manager da sempre vicino allo stilista, e Irving Bellotti, banker di Rothschild i componenti del consiglio che guiderà la Fondazione Armani. A svelarlo è Il Sole 24 Ore Radiocor Plus, che ha visionato in anteprima i documenti legati all'ente costituito a fine 2016.

La Fondazione è stata creata dallo stilista e imprenditore con lo 0,1% del capitale della Giorgio Armani, per un valore complessivo nominale di 10 milioni di euro, cui sono stati aggiunti 200 mila euro dei quali, 40mila per un Fondo di Garanzia che dovrà essere «permanentemente investito in valori mobiliari non di rischio». E ha una mission chiara, in puro stile Armani: «Essenziale, moderno, elegante non ostentato con attenzione al dettaglio e alla vestibilità». L'ente dovrà «perseguire un adeguato livello di investimenti per lo sviluppo dei marchi, una gestione finanziaria equilibrata e un moderato ricorso all'indebitamento, oltre che un adeguato livello di reinvestimento degli utili nella società Giorgio Armani». E dovrà garantire al contempo «l'attenzione all'innovazione, all'eccellenza, qualità e ricercatezza del prodotto».

La dotazione economica della Fondazione, il cui patrimonio è costituito dal Fondo di Dotazione e dal Fondo di Gestione, potrà essere incrementata con ulteriori attribuzioni patrimoniali dello stilista, che rimarrà in carica come consigliere a vita, «anche a titolo di lascito ereditario o legato». Il passaggio lascia intendere che l'intera Giorgio Armani potrebbe un giorno passare sotto il cappello della Fondazione stessa, che potrà ricevere anche attribuzioni da parte di terzi purchè approvate dal Cda. Di contro, l'ente non potrà distribuire utili e avanzi di gestione. Questi ultimi, recitano i documenti, «saranno impiegati per le attività istituzionali».

© Riproduzione riservata