Moda24

Scervino vince con gli Azzurrini e internalizza le linee donna e junior

lusso

Scervino vince con gli Azzurrini e internalizza le linee donna e junior

Controllare la produzione e la distribuzione, aumentando flessibilità e efficienza, sta diventando un imperativo per i big brand che puntano a crescere sui mercati internazionali e che in quest'ottica, sempre più spesso, stanno ripensando i contratti di licenza e rafforzando la gestione diretta.

Fa un altro passo in questa direzione Ermanno Scervino, il marchio fiorentino di fascia alta disegnato da Ermanno Daelli e guidato da Toni Scervino, che ha appena deciso di riorganizzare la linea junior e la donna “Ermanno”, nata nel 2015 per un pubblico più giovane, riportando in casa la produzione e la distribuzione finora affidate in licenza alla emiliana SpazioSei Fashion Group di Franco Ferrari e Manuela Lugli. Il rapporto con l’azienda carpigiana non si è però interrotto, ma solo rimodulato.

L’operazione ha portato alla nascita di una newco, Manfra Italia srl, di cui Scervino detiene la maggioranza attraverso la società Dernamaria, che gestirà le due linee a partire dalla collezione primavera-estate 2018. Una quota di minoranza della nuova società fa capo a SpazioSei, che continuerà a occuparsi della produzione.

Per la maison fiorentina si tratta di un passaggio strategico per soddisfare la domanda di mercato: «Le due linee in licenza, Ermanno Scervino Junior ed Ermanno, stanno incontrando ormai da anni un crescente successo di critica e commerciale», spiega l’amministratore delegato Toni Scervino, sottolineando le caratteristiche all’origine del buon andamento: rispetto dei valori Ermanno Scervino e target più vasto e più giovane. «È a fronte di questa crescita - continua Scervino - che abbiamo deciso di internalizzare la produzione e la distribuzione delle due linee, così da curarne più da vicino lo sviluppo stilistico e produttivo, e da garantirne un’ulteriore crescita a livello internazionale. È un progetto ambizioso di cui siamo entusiasti, e che si inserisce all’interno di un piano di forte espansione di tutta l’azienda».

Manfra Italia parte con la prospettiva di 8-9 milioni di fatturato a stagione; per il 2018 la previsione è di 16-18 milioni. La riorganizzazione produttiva non comporterà “salti” delle collezioni, anche se Scervino non sarà presente alla prossima edizione della fiera Pitti Bimbo, in programma da giovedì 22 giugno a Firenze.

Intanto, il piano di espansione è destinato a dare risultati già quest’anno. Scervino ha chiuso il 2016 con 100 milioni di fatturato, per il 70% all’export, con Europa, Russia e Far East come mercati più performanti. Per il 2017 la maison prevede una «crescita delle vendite a doppia cifra», alimentate dalla ripartenza del mercato russo e dall’Europa che per la moda sta segnando i risultati più interessanti. Il ritorno in casa delle linee Ermanno e Ermanno Scervino Junior segue quello delle calzature donna e uomo. Restano in licenza le borse della linea Ermanno, prodotte dalla Laipe Spa, e le calzature junior affidate a Montelpare.

© Riproduzione riservata