Moda24

Perrier-Jouët, il nuovo Blanc de Blancs fa rotta su Giappone e…

champagne

Perrier-Jouët, il nuovo Blanc de Blancs fa rotta su Giappone e Italia

Dopo una ristrutturazione durata due anni, la Maison Belle Epoque di Epernay, dimora di famiglia di Perrier-Jouët, ha riaperto le sue porte la scorsa settimana. Un tempo residenza dei fondatori Pierre-Nicolas Perrier e Rose Adélaïde Jouët, amanti della natura e dell'arte, la Maison oggi ospita la più grande collezione privata di Art Nouveau francese, con opere di Gallé, Guimard e Toulouse-Lautrec, tra gli altri. Durante il party per la riapertura (150 gli ospiti, tra cui la top model Karolina Kurkova), è stato presentato il nuovo Blanc de Blancs, Champagne non millesimato che noi abbiamo avuto il privilegio di degustare in anteprima in occasione dell’evento L’Eden by Perrier-Jouët a Tokyo. Qui un angolo del creativo e vibrante quartiere di Shibuya è stato trasformato in un rigoglioso giardino capace di offrire agli ospiti una vera esperienza sinestetica, anche grazie agli abbinamenti creati dallo chef stellato Akrame Benallal.

Il Giappone si conferma uno dei mercati di riferimento della Maison: «È un pubblico molto colto – spiega lo Chef de Caves Hervé Deschamps - che conosce perfettamente tutti i villaggi della Côte des Blancs, le migliori annate e che apprezza molto l’eleganza e la delicatezza dei nostri Chardonnay. Anche con questo nuovo prodotto vogliamo rispettare le richieste dei nostri mercati di punta, innanzitutto il Giappone e poi Hong Kong, il Regno Unito, la Germania e la Francia. Ma il Blanc de Blancs sarà sicuramente apprezzato anche dal pubblico italiano che cerca vini di grande freschezza e con le caratteristiche giuste per l’aperitivo e per accompagnare pescato, ostriche, formaggi e piatti di pasta».

Blend delle migliori uve Chardonnay (con almeno il 15% di vins de réserve), il nuovo Blanc de Blancs interpreta il vitigno simbolo della Maison in una versione inedita giocata su freschezza e vivacità: «Per noi lo Chardonnay – continua Deschamps - rappresenta sempre una grande fonte di ispirazione, con le sue note floreali e fruttate. Questo è un nuovo prodotto che può migliorare ancora il livello di percezione di questo vitigno. È uno Champagne in continuità con la storia di Perrier-Jouët: anno dopo anno noi cerchiamo di rispettare la coerenza e la solidità che ci contraddistingue».

Al naso emergono con precisione note di agrumi, fiori di sambuco e acacia, il sorso è minerale e vibrante, anche grazie a un dosage che non supera gli 8 gr per litro. Questa cuvée è il secondo Blanc de Blancs creato da Deschamps dopo l’iconico Belle Epoque nel 1993 e per la Maison, fondata nel 1811, rappresenta la prima nuova etichetta che si aggiunge in modo permanente alla collezione negli ultimi vent’anni.

© Riproduzione riservata