Moda24

In passerella a Milano glitter protagonista tra nude look e labbra gioiello

milano fashion week

In passerella a Milano glitter protagonista tra nude look e labbra gioiello

Una donna che ha ancora voglia di giocare con il colore, ma non disdegna il look naturale. È questo il messaggio che la Milano fashion week ha appena trasmesso sulle tendenze per la primavera estate 2018. «Resiste il nude look, ma scaldato da texture cremose e iridescenti che simulano la naturalezza di una pelle perfetta esaltata da labbra glossy - dice Michele Magnani, global senior artist Mac Cosmetics, brand che ha curato diversi beauty look -. Gran ritorno degli smokey eyes declinati in nuance nere e marroni, colori insoliti per l’estate, che sono però animati da tonalità calde come il bronzo e il gold ultra shine. E infine un’esplosione di colore, sarebbe meglio dire di glitter, sulla palpebra mobile, sulle sopracciglia, sulla bocca. Il make-up diventa accessorio, al posto di un orecchino vistoso, molto meglio una polvere di micro paillettes per illuminare il viso».

Sulle passerelle irrompono a suono di danza gli anni 70, una generazione che voleva infrangere i tabù e concedersi la libertà. Gucci ha rappresentato perfettamente questo mood: maxi chiome alla Farrah Fawcett, labbra gioiello, glitter sulle ciglia e ombretti carichi. Il glitter, tanto da essere definito “the new black”, è stato il fil rouge di molte sfilate: una spruzzata di glitter lavanda su una base di ombretto lilla da Alberta Ferretti; “starry eyes”, occhi sognanti tempestati di micro paillette fino alle sopracciglia da Francesco Scognamiglio; glitter 3d sulla palpebra mobile fino alle brows da Stella Jean. Guarda, invece, agli anni 80 Moschino, con pixie cut di chiara ispirazione punk, così come le sopracciglia stile boysh, volute anche da N⁰21, esasperate come le portava Madonna nel film “Cercasi Susan disperatamente”. Allo Studio 54 di New York e al Palace di Parigi le ragazze della notte si divertivano a osare labbra accese e occhi dipinti di blu elettrico. Rivive questo mood da Byblos e Missoni con sguardi tribali esaltati da colori fluo e saturi, da Fendi con un eyeliner felino color petrolio, da Cristiano Burani con grafismi neri che decorano la rima inferiore dell’occhio. Donatella Versace, invece, guarda agli anni 90, un omaggio al fratello Gianni: golden eye che mixa un oro luminoso al nero carbone. Come contraltare all’esplosione di glitter, un make-up più delicato ma con dettagli decisi. È stata la scelta di Max Mara con un lipstick rosso-arancio molto luminoso, di GiorgioArmani con un eyeliner vinilico e grafico, mentre Prada e Ferragamo hanno scelto un no make-up ravvivato da labbra glossy rosate.

Per le chiome, via libera a cerchietti, foulard, bandane, posticci. Le modelle di Dolce&Gabbana indossavano cerchietti impreziositi da fiori multicolor, quelle di Gucci fasce gioiello, da Marras boccoli voluminosi arricchiti da toupet, da Fendi ciuffi in colore ottanio e da Byblos due bande di colore fluo in orizzontale dipinte a mano. Di grande impatto il wet hair di Alberta Ferretti. Capelli ultra lisci con riga in mezzo da Versace, Aquilano.Rimondi, mentre Roberto Cavalli ha voluto code lisce e minimaliste. Capelli in disordine? La soluzione è un asciugamano attorno al capo, li hanno proposti Pucci e Versace, logicamente coordinati con l’outfit, il massimo dello chic.

© Riproduzione riservata