Moda24

Garage Italia, Lapo Elkann inaugura la nuova sede a Milano con Cracco

ex stazione agip in piazzale accursio

Garage Italia, Lapo Elkann inaugura la nuova sede a Milano con Cracco

(Fotogramma)
(Fotogramma)

Le parole che Lapo Elkann usa più spesso per presentare la nuova sede di Garage Italia sono: spirito di squadra, amore per l'Italia, attenzione ai dettagli. La sede dell'avventura imprenditoriale di Lapo Elkann, pensata per customizzare tutto ciò che si muove, dalle auto alle moto, dalle barche agli aerei, dagli scooter e bici agli elicotteri o grandi yacht, è in Piazzale Accursio, lontano quanto basta dal centro di Milano. L'ex stazione Agip Supercortemaggiore, voluta negli anni Cinquanta da un visionario Enrico Mattei, è stata restaurata da Michele De Lucchi, che ha detto di «aver lavorato con l'entusiasmo dei suoi primi progetti importanti». Evidente la sintonia e l'affetto, si può dire, che lega l'architetto a Lapo.

Lo stesso vale per l'intesa con Carlo Cracco: star degli chef italiani, è coinvolto in Garage Italia perché a lui Lapo ha affidato bar e ristoranti. Aperta ogni giorno dalle 9.30 alle 2.00 di notte, la sede di Garage Italia, 1.700 metri su due piani, sarà il luogo dove lavorare ai progetti di customizzazione, ma punta a diventare anche un ritrovo per milanesi di tutte le età e professioni. I 1.700 mq si distribuiscono verticalmente su due piani fuori terra e un piano interrato dedicato ai servizi e ai locali per lo staff. Il progetto era stato annunciato nell'ottobre 2015 e avrebbe dovuto essere completato nel 2016. Ma la complessità degli interventi ha fatto slittare l'inaugurazione.

L'edificio è stato oggetto di un meticoloso intervento per riportare gli esterni al colore originale. Tutte le tessere in ceramica del mosaico che rivestiva la superficie curva delle due tettoie, così come le facciate esterne, sono state infatti pulite e restaurate con grande cura. A perimetro delle ali sono state installate due file di neon, riposizionate esattamente come negli anni Cinquanta: sono un vero e proprio elemento architettonico che valorizza la forma aerodinamica dell'edificio e che torneranno a far splendere come in passato la “stazione”, catalizzando l'attenzione sulle sue linee futuristiche. Sopra la linea del tetto, gli alti pennoni ricalcano il disegno di quelli originali: sono il supporto della nuova insegna di Garage Italia che si staglia alta nel cielo, ben visibile nella sua funzione di comunicazione per chi percorre l'asse stradale del Sempione.

«Lapo Elkann ha riconosciuto in questo oggetto abbandonato da tanti anni un grande valore e ne ha fatto una architettura aperta a tutti quelli che hanno la curiosità e la volontà di vedere oltre quello che già esiste», ha aggiunto Michele De Lucchi, che proprio in questi giorni inaugura anche una mostra di piccole sculture alla Galleria Jannone di corso Garibaldi, sempre a Milano. Entusiasta anche Cracco: «È stato bellissimo e stimolante lavorare su questo progetto. Garage Italia è un contenitore magico in cui convivono il divertimento, la creatività, la buona cucina, la passione, il sogno. La cucina che proponiamo è all'insegna del made in Italy, con piatti semplici e accessibili a tutti, con l'assoluta qualità e ricerca delle materie prime, che parte dalla grande ricchezza delle ricette italiane e regionali», ha aggiunto Cracco.

© Riproduzione riservata