Moda24

Bally ai cinesi di Shandong Ruyi Group

m&A

Bally ai cinesi di Shandong Ruyi Group

Shandong Ruyi Group ha acquisito la maggioranza di Bally International, azienda svizzera di calzature e pelletteria di lusso fondata nel 1851 e fino ad oggi nel portafoglio di Jab, holding che manterrà una quota di minoranza nella società.

Il gruppo cinese, secondo quanto dichiarato in una nota, manterrà inalterati i valori di Bally - brand che sotto l’ala di Jab ha registrato, negli ultimi anni, una crescita importante soprattutto in Asia - e manterrà l’headquarter e la sede produttiva dell’azienda a Caslano, in Svizzera. Non sono state diffuse cifre ufficiali, ma Bloomberg, citando una fonte anonima, ha parlato di un’operazione da 700 milioni di dollari.

«Bally è uno dei più importanti brand di calzature e pelletteria con un’heritage ultracentenaria. La storia del brand e i suoi prodotti rappresentano un elemento complementare al nostro punto di forza, l’abbigliamento pret-à-porter. (...) Questa operazione è una pietra miliare nel percorso di Shandong Ruyi Group per diventare un leader globale nell’abbigliamento mondiale. Non vediamo l’ora di sostenere Bally nel suo continuo percorso di crescita e nel rafforzamento del brand a livello globale», ha detto Yafu Qiu, presidente del Gruppo Shandong Ruyi.

A fargli eco è il ceo di Bally, Frédéric de Narp: «Bally sta vivendo un momento meraviglioso e ha un grandissimo potenziale. Voglio sottolineare lo straordinario impegno e il talento del nostro team nel reinventare e rendere contemporanea l’azienda. L’arrivo di Shandong Ruyi Group, e della sua visione, accelererà in modo significativo la nostra crescita in segmenti e mercati chiave, così da completare il turnaround di questo iconico brand».

Bally era stato acquisito da Jab, gruppo che fa capo alla famiglia Reimann, nel 2008. La holding, che aveva cominciato a sondare il mercato per la vendita del marchio svizzero all’inizio dell’estate 2017, ha iniziato a smantellare la propria divisione lusso lo scorso anno con la vendita del marchio Jimmy Choo al colosso americano Michael Kors per oltre 1 miliardo di euro.

Shandong Ruyi Group, specializzato nel tessile, si sta ritagliando un ruolo decisivo nel settore abbigliamento grazie a una serie di acquisizioni mirate, e concentrate all’estero: prima di Bally, infatti, il gruppo cinese aveva rilevato Smcp, società francese cui facevano capo i marchi Sandro, Maje e Claude Pierlot, e il brand londinese Aquascutum.

© Riproduzione riservata