Moda24

Buyer russi «star» a Micam (+22%) e Mipel…

fiere

Buyer russi «star» a Micam (+22%) e Mipel (+26,1%)

È la Russia la vera star, in termini di presenze, delle fiere Micam e Mipel che si sono tenute da domenica a oggi alla Fiera di Milano-Rho. I compratori da Mosca, dopo un biennio “nero”, affossato dal calo del rublo e da questioni politico-economiche, sono tornati a Milano per comprare calzature e pelletteria. Nel dettaglio, le presenze sono aumentate del 26,1% a Mipel, rispetto all’edizione di febbraio 2017, e del 22% a Micam, dove la Russia è tornata ad essere la prima nazionalità.

A livello generale, le fiere milanesi hanno chiuso in crescita: Micam 85 ha registrato 44.227 visitatori, di cui il 60% provenienti dall'estero. Tra le nazionalità più presenti, anche l’Ucraina (+7%) e la Germania ( +9%). In calo, invece, visitatori da Cina e da Hong Kong e buyer inglesi. In flessione anche il numero dei compratori italiani. «In queste ultime edizioni abbiamo valorizzato la nostra manifestazione senza cambiarne il Dna - ha detto Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici - rendendola non solo più glamour e accattivante ma soprattutto più funzionale, adatta alle esigenze di buyer ed espositori. Le aziende, che qui incontrano compratori provenienti da tutto il mondo, scelgono MICAM per lanciare i loro nuovi prodotti, stabilire o consolidare relazioni d'affari, finalizzare al meglio le strategie commerciali internazionali».

Nel complesso, invece, a Mipel 113 si sono registrati il 5,6% di buyer in più rispetto a febbraio 2017. La crescita si deve a un incremento della presenza dei compratori domestici (+5%), dei cinesi (+6,8%), dei coreani (+7,8%) e dei giapponesi (+13,6%). Anche a Mipel si sono fatti sentire i primi effetti della Brexit: i compratori dal Regno Unito, infatti, sono calati.

© Riproduzione riservata