Moda24

L’export di occhiali corre in Cina (+18%) e Russia…

  • Abbonati
  • Accedi
Fiere

L’export di occhiali corre in Cina (+18%) e Russia (+23%)

Continua a crescere l’occhialeria italiana e non può esserci auspicio migliore per l’apertura della 48esima edizione di Mido, la grande fiera ospitata a Rho da oggi a lunedì e organizzata da Anfao, l’associazione di riferimento per il settore, un’eccellenza italiana tra le più internazionalizzate dell’intero sistema moda allargato. Record confermato ieri da Giovanni Vitaloni, presidente di Anfao e di Mido, che ha presentato i risultati 2017 e i numeri della fiera: «L’edizione 2018 è la più grande mai ospitata, con 1.305 espositori provenienti da tutto il mondo. Speriamo di battere il record di presenze dello scorso anno».

Nel 2017 la produzione dell’occhialeria italiana è cresciuta a un ritmo praticamente doppio (+2,9%) rispetto a quello del Pil del Paese (+1,5%), superando i 3,8 miliardi.

Negli ultimi tre anni il settore si era abituato a crescite ancora più alte, ma il 2017 – ha spiegato Vitaloni – ha visto un leggero calo dell’export e la debolezza del mercato interno. Sostanzialmente stabile il numero di aziende (863) e occupati (17.284). L’aumento dell’export, pari al 90% della produzione totale, è stato del 3,2%: dei 3,73 miliardi di prodotti usciti dall’Italia, il 26% è andato negli Stati Uniti, da sempre primo mercato dell’occhialeria made in Italy.

Un’internazionalizzazione che non poteva non trovare, come in passato, il supporto del Ministero dello sviluppo economico: grazie all’attività di incoming organizzata da Ice-Agenzia, oltre alle decine di migliaia di operatori che si sono pre-registrati, arriveranno a Mido 150 tra top buyer e giornalisti internazionali. I mercati che hanno corso di più sono Cina (+18,1%) e Russia (+23%), con un buon equilibrio tra montature da sole e da vista. Per mantenere la leadership nel medio e alto di gamma (si veda anche Moda24 di ieri), le aziende italiane devono continuare a investire in ricerca e sviluppo, ha sottolineato Vitaloni, annunciando le iniziative organizzate nei tre giorni di fiera. «L’innovazione nel settore dell’occhialeria coinvolge sia prodotto sia i consumatori – ha spiegato il presidente di Mido e Anfao –. Anche per questo abbiamo deciso di dare risalto ai produttori di strumentazioni, macchinari e componentistica, che hanno un ruolo fondamentale per tutta la filiera».

Prosegue inoltre l’impegno sul fronte della prevenzione: domani è in programma l’Eye Health Awareness Day, ospitato dall’area congressuale Otticlub, nel padiglione tre. «L’obiettivo è riunire le diverse entità che operano nella prevenzione per condividere esperienze, progetti e buone pratiche per massimizzare l’efficacia delle azioni e dei messaggi».

Mido è del resto impegnata da molti anni nella prevenzione attraverso il sostegno diretto alla Commissione Difesa Vista Onlus, che organizza, tra le altre iniziative, screening gratuiti della vista su tutto il territorio nazionale. Tornando alle iniziative speciali, raddoppia il concorso Bestore: il premio Bestore Design andrà al miglior lay out di negozio, mentre il Bestore Innovation valuterà tutti gli aspetti legati all’evoluzione del servizio al cliente, all’interazione con consumatori e fornitori e agli aspetti professionali, umani ed emozionali di un punto vendita.

© Riproduzione riservata