Moda24

Oysho punta sulla sostenibilità con il progetto Join Life

  • Abbonati
  • Accedi
strategie

Oysho punta sulla sostenibilità con il progetto Join Life

Oysho, brand del gruppo Inditex, ha lanciato il programma Join Life, con il quale punta a ridurre il suo impatto ambientale. L’incremento del livello di sostenibilità parte dalle materie prime, come il cotone organico, proveniente da semi non geneticamente modificati e coltivati con fertilizzanti naturali, o il Tencel, una fibra prodotta in un circuito chiuso che riutilizza il 100% dell'acqua che consuma e che proviene dal legno di boschi gestiti in modo controllato, di cui viene garantita la riforestazione. A partire da questi tessuti, nascono collezioni in poliestere riciclato, prodotto a partire da bottiglie di plastica usate, o la nuova linea mare “Weare the change”, creata in poliammide riciclata, ottenuta a partire da rifiuti come vecchie reti da pesca, moquette o scarti di produzione.

Anche la logistica sarà più sostenibile, i negozi più eco-efficienti, gli imballaggi online in materiale riciclato e viene proposto un programma di raccolta di indumenti.

L'obiettivo è avere zero rifiuti nei negozi, negli uffici e nei centri logistici entro il 2020. Il 91% dei negozi Oysho sono già eco- efficienti: allo scopo di ridurre l'impatto ambientale, è stato creato un sistema che consente di risparmiare il 20% di energia e il 50% di acqua, riducendo in questo modo l'emissione di CO2.
Seguendo la stessa filosofia, Oysho.com ha introdotto un nuovo tipo di imballaggio per le spedizioni online, procedente da materiali riciclati e dotato di certificazioni internazionali che promuovono pratiche sostenibili nei boschi di tutto il mondo.

Oysho offre, per ora in alcuni store in Spagna, la possibilità di depositare capi usati in contenitori di raccolta situati in alcuni dei propri negozi. Tutti gli indumenti depositati vengono donati direttamente alla Caritas, dove vengono separati e classificati affinché sia assegnata loro la destinazione più consona, sia per progetti sociali, sia per la trasformazione dei rifiuti tessili in nuova fibra.

© Riproduzione riservata