Moda24

Al via la maxi-catena di profumerie Douglas con 580 punti vendita

  • Abbonati
  • Accedi
Beauty + Benessere

Al via la maxi-catena di profumerie Douglas con 580 punti vendita

Saranno 580, con l’inizio del prossimo autunno, le profumerie Douglas in Italia in seguito alla trasformazione dei 460 negozi a insegna Limoni e La Gardenia (ex Llg), dopo l’acquisizione da parte del gruppo Cvc (a cui appartiene Douglas) che si aggiungono ai 120 attuali Douglas, dando origine alla più grande catena di profumerie in Italia con un fatturato totale che l’anno scorso ha raggiunto i 486 milioni di euro in linea con l’anno precedente. A sottolineare il nuovo corso un nuovo luogo e una campagna firmata da Peter Lindbergh con i volti di Cara Delevingne, Amber Valletta, Alexa Chung, Lineisy Montero, Jon Kortajarena e la top influencer Caro Daur.

«Il piano di integrazione operativo si è praticamente concluso - spiega Fabio Pampani, ad di Douglas Italia -. A oggi tutta l’azienda è gestita con un unico team in un unico headquarter e anche i processi logistici, informatici e amministrativi sono in fase di totale unificazione. E con l’inizio del prossimo autunno tutti i nostri negozi saranno brandizzati Douglas, ovviamente questo in un ottica di sinergia totale del brand».

In realtà non si tratta di una trasformazione, spiega l’ad «ma di una evoluzione, nella quale troveranno realizzazione tutti i plus delle varie insegne. Infatti saranno presenti le Beauty Lounge, progetto lanciato da Limoni nel 2014 , così come Dnc ( Douglas Nocibe collection) marca privata di grande successo lanciata da Douglas qualche anno fa. Andremo, inoltre, a rafforzare il nostro posizionamento nel prestige».

E le previsioni per il 2018? «È un anno ancora statico senza alcuna particolare tendenza di crescita ma nemmeno di forte declino - conclude Pampani -. Ritengo che le leve strategiche di sviluppo restino i servizi e la store experience che si riuscirà a dare ai propri clienti. In quest’ottica investiremo sempre più nel progetto Beauty Lounge, luogo nel quale le nostre clienti riusciranno a vivere un’esperienza di bellezza unica. Alle ventuno già esistenti se ne aggiungeranno ventiquattro per un totale di quarantacinque spazi».

Ma non solo. La shopping experience passa anche dalla multicanalità «per raggiungere - conclude l’ad - i nostri clienti e interagire con loro per offrire un’esperienza sempre più moderna, stimolante e coinvolgente».

© Riproduzione riservata