Tecnologia

REIsearch: l'impegno dei cittadini nelle decisioni politiche

malattie croniche

REIsearch: l'impegno dei cittadini nelle decisioni politiche

Attraverso la tecnologia e i media al servizio di una vasta rete europea è possibile dar voce ai cittadini nell'elaborazione di politiche ad hoc per la società del 21° secolo. E' questo lo spirito alla base della nuova piattaforma REIsearch creata da Atomium - Istituto europeo per la scienza, i media e la democrazia (Eismd) e cofinanziato dalla Commissione europea – in pratica un ponte di collegamento tra cittadini, ricercatori e responsabili politici sulle questioni che interessano la ricerca scientifica e le sfide sociali che il nostro Continente deve affrontare nei prossimi anni. “L'innovazione e le nuove scoperte scientifiche stanno migliorando la vita delle persone e rendono la nostra economia più competitiva - ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker -. La scienza deve uscire dalla torre d'avorio in cui si è rinchiusa e aprirsi alla discussione, alle critiche, ed essere alimentata da nuove prospettive. Per questo dò un caloroso benvenuto all'iniziativa REIsearch, che coinvolgendo gli europei nel dibattito sulla scienza e la ricerca può essere fonte d'ispirazione per quanto riguarda la risoluzione dei problemi più urgenti della nostra società”.

REIsearch vuole superare con successo la sfida di mettere in collegamento l'esperienza dei cittadini europei, con le competenze dei ricercatori a supporto dei responsabili politici. “Per vincere una sfida così ambiziosa – hanno dichiarato l'ex presidente francese Valéry Giscard d'Estaing e il presidente di Atomium Michelangelo Baracchi Bonvicini - abbiamo deciso, con i nostri partner, un approccio progressivo, che mira a sviluppare iniziative correlate ad argomenti scientifici specifici, a cominciare da quelli il cui impatto è più forte, limitando le funzioni essenziali alla piattaforma. Nei prossimi anni, saranno disponibili funzionalità aggiuntive che permetteranno ai cittadini di interagire direttamente con i migliori ricercatori, sia a livello nazionale ed europeo”.

Per dare maggiore visibilità a questo progetto, dieci grandi media partner europei (tra cui El Pais, Frankfurter Allgemeine Zeitung, Il Sole 24 Ore, The Irish Times e La Libre Belgique) a partire da questa settimana e per le prossime quattro, pubblicheranno un sondaggio. La prima iniziativa lanciata questa settimana ha come tema le malattie croniche, un argomento di massima importanza nell'agenda politica europea, a causa sia del peso che esercita sui bilanci pubblici degli Stati membri, sia del suo impatto sul benessere dei cittadini. Per dare maggiore visibilità a questo progetto, dieci grandi mediapartner europei (tra cui El Pais, Frankfurter Allgemeine Zeitung, Il Sole 24 Ore, The Irish Times e La Libre Belgique) a partire da questa settimana e per le prossime quattro, pubblicheranno un sondaggio: le risposte combinate forniranno informazioni utili e significative per aiutare i responsabili politici europei ad avere una migliore conoscenza e competenza nella gestione e nella prevenzione delle malattie croniche.

Come ha affermato Roberto Viola, direttore generale della DG Connect della Commissione europea: “L'iniziativa REIsearch sarà un utile strumento per la corretta distribuzione delle politiche basate sui fatti e consentirà la condivisione delle conoscenze necessarie a coloro che stanno cercando di trovare soluzioni innovative. In più, attraverso un approccio aperto e trasparente, aiuterà da un lato a costruire la fiducia dei cittadini in tema di decisioni politiche e sulle prove scientifiche e le loro ipotesi sottostanti, dall'altro grazie alla facilità di accesso, consentirà anche agli innovatori di avere immediatamente la conoscenza di cui hanno bisogno”.

I risultati di questa campagna saranno presentati alla fine di aprile 2016.

© Riproduzione riservata