Mondo

La Bce spiazza tutti: taglia i tassi, porta il Qe a 80 miliardi e…

LE MOSSE ANTI-DEFLAZIONE

La Bce spiazza tutti: taglia i tassi, porta il Qe a 80 miliardi e compra i bond societari

Questa volta Mario Draghi non ha deluso, anzi. La Banca centrale europea ha infatti sorpreso i mercati annunciando una serie di misure espansive per far fronte a stime di inflazione riviste nettamente al ribasso e a una crescita più debole del previsto. «Abbiamo dimostrato di non essere a corto di munizioni», ha detto il presidente della Bce. Ecco le non poche novità annunciate oggi dal Consiglio direttivo con un comunicato e spiegate poi in conferenza stampa da Draghi.

La Bce innanzitutto ha tagliato tutti e tre i principali tassi d’interesse: il tasso di riferimento (refinancing rate) dallo 0,05% a zero, quello sui depositi da -0,30 a -0,40% e la marginal lending facilitydallo 0,30 allo 0,25 per cento. I nuovi tassi entreranno in vigore il 16 marzo. «Significa che possiamo scendere a nostro piacimento senza conseguenze sul sistema bancario? La risposta è no», ha detto Draghi, lasciando intendere che il tasso negativo sui depositi - visto con crescente scetticismo dal sistema bancario tedesco - potrebbe aver raggiunto il livello minimo.

La novità forse più rilevante è l’incremento degli acquisti mensili di titoli di Stato da 60 a 80 miliardi a partire da aprile, la misura più attesa e potenzialmente quella dal maggiore effetto. Il programma durerà almeno fino al marzo 2017, come già deciso lo scorso dicembre, ma Draghi ha sottolineato come i tassi resteranno ai minimi a lungo, «anche ben oltre l’orizzonte temporale dei nostri acquisti» di titoli di Stato. La Bce ha anche alzato al 50% dal 33% il limite acquistabile di ciascuna emissione di bond.

Nel programma di Qe inoltre sono stati inseriti per la prima volta - altra novità non attesa alla vigilia - i bond denominati in euro emessi da società non finanziarie, purché abbiano un rating a livello di investimento (investment grade). Draghi ha spiegato che sarà «un comitato a decidere quali imprese sono candidabili» all’acquisto delle obbligazioni. «Al momento - ha detto - non abbiamo ancora preso alcuna decisione sulle imprese» che finanzieremo. Gli acquisti di corporate bond partiranno «verso la fine del secondo trimestre di quest’anno».

Infine da giugno 2016 a marzo 2017 la Bce lancerà 4 nuove Tltro (Targeted Long Term Refinancing Operations), finanziamenti a lungo termine alle banche, con durata di 4 anni e un tasso che potrà scendere fino al livello del nuovo tasso sui depositi (-0,40%). Nel nuovo pacchetto di quattro maxi-prestiti, ha spiegato Draghi, gli istituti di credito pagheranno un tasso tanto più negativo (a partire dallo zero del tasso principale) quanto più faranno credito a imprese e famiglie.

Questo nutrito pacchetto di interventi arriva non a caso nello stesso giorno in cui lo staff di economisti della Bce ha anche rivisto al ribasso le stime di crescita e inflazione dell’area euro. La crescita del Pil nel 2016 è prevista ora a +1,4% contro +1,7% in dicembre e nel 2017 a +1,7 da +1,9 per cento.Ancora più drastica la revisione al ribasso per l’inflazione, che quest’anno per effetto del petrolio sarà dello 0,1% e non più dell’1% come previsto in dicembre e che nei prossimi mesi, ha detto Draghi, «potrà essere negativa» pur senza far cadere l’Eurozona in deflazione. Senza gli interventi di Francoforte, ha rivendicato,
«oggi avremmo una deflazione disastrosa».

La raffica di annunci va decisamente oltre le attese della vigilia ed è stata subito accolta con un balzo delle Borse e una flessione dell’euro. In seguito però la moneta unica ha azzerato le perdite quando Draghi ha detto che la Bce non prevede di abbassare ulteriormente i tassi, mentre le Borse hanno praticamente azzerato i guadagni. Le interpretazioni su questo repentino cambio di umore si sprecano: dai dubbi degli investitori sull’efficacia delle nuove misure al drastico taglio delle stime di inflazione al fatto stesso che un arsenale così ricco non fa che sottolineare la serietà della situazione economica e il pericolo di deflazione. Positivi i titoli bancari, nonostante il fatto che l’ulteriore taglio del tasso sui depositi in negativo fosse stato criticato alla vigilia da diversi istituti, soprattutto tedeschi.

Nessuno tra gli analisti si era spinto fino a immaginare una gamma di interventi così ampia. In particolare, l’aumento del Qe da 60 a 80 miliardi va oltre le attese medie di 70 miliardi, così come l’inserimento dei corporate bond nell’elenco dei titoli acquistabili dalla Bce e il taglio del tasso di rifinanziamento dallo 0,05% a zero.

Alla riunione di oggi, per il sistema di rotazione all’interno del Consiglio direttivo, non ha votato il presidente della Bundesbank Jens Weidmann e altri esponenti considerati “falchi” in politica monetaria. Draghi ha puntualizzato però che le decisioni sono state prese da una «maggioranza schiacciante» e che il sistema di rotazione dei voti non ha inciso sull’esito della riunione. (G.Me.)

© Riproduzione riservata