Mondo

Violenti scontri fra gruppi di migranti e polizia nel centro di Parigi

  • Abbonati
  • Accedi
francia

Violenti scontri fra gruppi di migranti e polizia nel centro di Parigi

Violenti scontri a Parigi giovedì sera tra centinaia di migranti, di origine per lo più sudanese, eritrea e afghana, armati di bastoni e spranghe. I fatti sono accaduti alla fermata delle metropolitana Stalingrad, sul boulevard de la Villette. È intervenuta la polizia antisommossa ma gli scontri hanno provocato panico e terrore nella zona, compresa nel diciottesimo Arrondissement e distante poche fermate dal Marais, quindi dal pieno centro della capitale. Molti dei migranti, che dai primi di marzo vivono accampati nell’area circostante la fermata del metrò, sarebbero arrivati dal campo profughi di Calais, sgomberato nelle scorse settimane. Quattro i feriti.

Aumenta la tensione, intanto, al confine tra Italia e Francia. Una cinquantina di migranti hanno tentato venerdì notte, senza successo, di entrare in Francia. Le autorità transalpine hanno riferito sabato di averli bloccati e consegnati ai colleghi italiani, come previsto dalla procedura nota come non-ammissione, entrata in vigore dopo che la Francia ha ripristinato i controlli alle frontiere a seguito degli attentati terroristici del 13 novembre scorso a Parigi. «Non è la prima volta che ci sono fatti del genere, erano già avvenuti lo scorso anno», ha detto un funzionario locale, sottolineando però di aver notato negli ultimi giorni un «leggero aumento» del numero di migranti lungo il confine con l'Italia.

© Riproduzione riservata