Mondo

EUROPA, SVEGLIATI. O lunedì o niente

L'Editoriale|L’EDITORIALE

EUROPA, SVEGLIATI. O lunedì o niente

L’ultima perfidia degli inglesi è stata quella di prendersela comoda. Per discutere del divorzio dall’Unione europea danno appuntamento a ottobre. Loro se la prendono comoda, i mercati no. Non c’è stato un effetto Italia, ma è scattata la corsa al Bund tedesco e si vendono Btp italiani e Bonos spagnoli. Tutte le banche europee pagano dazio, ma quelle italiane pagano di più, e pagano di più di quel che devono. È scesa fino ai minimi dall’85 la sterlina, ma si è indebolito anche l’euro, si rafforzano il dollaro, l’oro, i beni rifugio. Questa è la realtà.

***

L’errore politico più grave che l’Europa potrebbe compiere è quello di fare finta di niente, di continuare a girarsi dall’altra parte. La decisione della Gran Bretagna di uscire dall’Unione europea appartiene alla storia e determina una frattura profonda, pone un (gigantesco) problema politico ed esige risposte politiche all’altezza di una decisione storica. Non abbiamo più tempo per vertici vuoti e inconcludenti, il Consiglio europeo non è la sede giusta per prendere decisioni forti, immediatamente produttive, bisogna che lunedì nell’incontro a tre (Merkel, Renzi e Hollande) l’Europa si svegli e batta un colpo. Per capirci, i tre premier più quello spagnolo, rappresentano oltre il 70% del prodotto interno lordo dell’eurozona, hanno tutti i numeri e la legittimazione politica per prendere decisioni non usuali in termini di lavoro, crescita, welfare, sicurezza e immigrazione. Bisogna che la Germania si convinca che il suo straordinario surplus venga “speso” per un rilancio di cui godano tutti i cittadini europei a partire da quelli tedeschi. Renzi e Hollande devono dimostrare di avere le capacità e la forza politica per persuadere la Merkel a completare l’unione bancaria con la garanzia unica sui depositi, varare un grande piano di investimenti con o senza eurobond e condividere, parallelamente, i debiti pubblici nazionali non in nome di una solidarietà pure necessaria tra Paesi del Nord e Paesi del Sud, ma piuttosto sulla base di una convinzione di ideali e di convenienze altrettanto fondata. È così difficile, ad esempio, comprendere che il rischio rappresentato dai derivati nelle pance delle banche tedesche e francesi è di certo non inferiore a quello delle sofferenze delle banche italiane robustamente coperte da un’invidiabile dote di garanzie collaterali?

***

Tutto quello che fino a ieri poteva apparire velleitario, oggi è assolutamente indispensabile. Mi verrebbe da dire: o lunedì o niente. O lunedì l’Europa si sveglia, coglie questa occasione, dimostra di saper reagire e di offrire una speranza fatta di cose concrete ai cittadini europei, o, subito dopo, dovrà constatare che sarà troppo tardi, sarà costretta a prendere atto di avere perso l’appuntamento con la storia. I mercati non aspettano né i comodi inglesi né i tempi scanditi dalle pigrizie e dagli egoismi dell’Europa di oggi, e ahinoi fanno pagare ai Paesi a alto debito il costo più pesante dell’incertezza politica. L’Italia deve essere in prima linea con Germania, Francia e Spagna nel chiedere e ottenere un’Europa federale che metta in comune difesa, debiti e politiche espansive. Il sogno europeo non può che ripartire da qui se vuole ambire a diventare realtà. In fondo, ancora una volta, dipende molto da noi.

© Riproduzione riservata